Krav Maga per l’autodifesa

di Piera Bellelli 2

Il Krav Maga , parola che in ebraico significa “combattimento con contatto”, è una tecnica di combattimento nata in Israele ed utilizzata da molti corpi militari e di sicurezza in tutto il mondo, anche dall’ Esercito Italiano. Il suo punto di forza è la semplicità sia nella fase di apprendimento che nell’utilizzo e la sua versatilità, caratteristiche che furono espressamente richieste dal Governo Israeliano a  Imi Lichtenfeld , ideatore del Krav Maga.

Il Krav Maga è passato dalle caserme alle palestre sono negli ultimi anni. Quest’arte marziale per l’autodifesa che ha origini antiche può essere praticata da tutti, utilizzata in diverse situazioni e contro varie tipologie di avversari. Può essere imparata velocemente grazie anche alla capacità di Imi di trasferire nel Krav Maga la sua esperienza di atleta, ginnasta, ma sopratutto di lotta avvenuta per strada durante l’occupazione nazista.

Com ogni combattimento utilizzato in ambito militare anche il Krav Maga mira alla neutralizzazione dell’avversario prima che ques’ultimo possa diventare offensivo. Rapidità e semplicità di esecuzione sono due fattori fondamentali. A differenza di altri tipi di lotta, il Krav Maga non prevede l’immobilizzazione dell’avversario a terra poichè questa situazione può rivelarsi pericolosa. Per avere la meglio sull’avversario è necessario quindi puntare a colpire parti vitali come i genitali, gli occhi e la carotide, motivo per cui questa tecnica di autodifesa non è inserita tra lediscipline sportive.

E’ stato Philippe Kaddouch, istruttore dell’esercito israeliano, a portare questa tecnica in Italia nel 1999. Da allora il Krav Maga è entrato a far parte dell’offerta di molte palestre. A differenza delle discipline orientali non vi è un riferimento alla dimensione spirituale ed alla meditazione, ma si punta l’attenzione sopratutto sugli aspetti pratici. Gli allenamenti non prevedono l’utilizzo di guanti e caschi e vertono principalmente sulle tecniche ed i movimenti che permettono di affrontare l’avversario in ogni situazione di pericolo, come in strada, in ambienti chiusi, etc. Può essere praticata da tutti e può essere applicata contro tutte le tipologie di persone. Ognuno, in base all’età, alla corporatura ed alle capacità fisiche può apprendere i gesti più efficaci.

Una parte della preparazione del Krav Maga prevede anche la preparazione psicologica, una leva fondamentale per affrontare una situazione di pericolo, controllare se stessi e l’avversario. Il Krav Maga è indicato anche com tecnica di autodifesa femminile.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>