leonardo.it

Allenarsi in casa, di cosa c’è bisogno?

 
Silvana
17 aprile 2012
1 commento

Non tutti, ammettiamolo pure, abbiamo voglia e/o tempo di frequentare una palestra, eppure non questo dobbiamo rinunciare all’idea di tenerci (o tornare) in forma praticando un po’ di sano fitness. Le possibilità in questo caso sono molteplici e dalla nostra parte abbiamo più di un alleato: non solo jogging e walking ma anche quello che, con un termine anch’esso di derivazione anglosassone (che volete farci è una mania!) viene definito home fitness, ovvero l’allenamento a casa.

Premettiamo però che questa tipologia di allenamento conta un numero di abbandoni piuttosto elevato, forse più di quanto accada in palestra, quindi è consigliabile cimentarsi nell’impresa solo se si è altamente motivati. Fatta questa doverosa premessa vediamo cosa serve per allenarsi in casa e in che modo è più opportuno organizzare le sessioni di lavoro.

Anzitutto, il consiglio è di Luciano Bolognini, docente di educazione fisica e tecnico specialista di atletica, non corriamo subito al negozio di articoli sportivi più vicino a casa per acquistare costosi macchinari o attrezzature complesse. Due coppie di manubri di pesi differenti e il caro vecchio step sono più che sufficienti per cominciare.

Se invece abbiamo già in casa attrezzature come cyclette o tapis roulant tanto meglio. E’ arrivata l’occasione di rispolverarli.

Lo schema da seguire per l’allenamento è lo stesso sia a casa che in palestra: sono previste tre fasi: riscaldamento, tonificazione muscolare, defaticamento. Il riscaldamento, della durata di circa dieci minuti, deve prevedere l’esecuzione di attività aerobiche: corsa sul posto, sali e scendi dallo step, cyclette, tapis roulant.

Gli esercizi di tonificazione muscolare devono essere eseguiti per venti minuti a corpo libero e con i manubri (segue un breve elenco di esercizi consigliati da Ilfitness).

Infine la sessione si conclude con dieci minuti di stretching o con una nuova sessione di allenamento aerobico stavolta ad intensità minore.

Se il nostro obiettivo principale è il dimagrimento, è necessario ridurre la durata degli esercizi di tonificazione da venti a dieci minuti e portare a venti i minuti di attività aerobica.

[Fonte]

Squat, ottimo per gambe e glutei;

Esercizi per la pancia piatta;

Pancia piatta, qualche esercizio da fare in casa;

Esercizi per le braccia da fare in casa;

Allenarsi con i pesi liberi.

Photo credit | Thinkstock

 

 

 

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Marina

    Salve, tempo fa ho acquistato uno step in un sito di attrezzature in vendita per la palestra in casa http://www.enerfitsport.it/. Ora vorrei acquistare dei manubri, sia da usare con lo step che per gli esercizi a corpo libero. Vorrei chiedere qual è il peso più adatto per poter cominciare. Grazie, Marina.

    24 ott 2012, 17:40 Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Esercizi per i punti critici: interno coscia e addominali | IlFitness
  2. I consigli per l'allenamento di Gunner Peterson | IlFitness
  3. Home fitness, in Italia è boom di palestre in casa | IlFitness
  4. Allenarsi in palestra, a casa, in piscina o al parco: pro e contro | IlFitness