Come allenarsi a casa con il sacco da boxe

di Daniela Ciabattini Commenta

Avete acquistato un sacco da boxe con l’intenzione di allenarvi ma poi l’avete lasciato lì perché non sapevate come sfruttarlo con gli esercizi giusti? Niente paura, continuate a leggere questo post: oggi vi illustreremo alcuni movimenti per allenarvi con il sacco da boxe e scolpire, così, il vostro fisico, oltre a scaricare lo stress.

Proprio così: la boxe, ma anche la fitboxe o la kickboxing, possiedono il doppio vantaggio di tonificare il corpo e di scaricare le tensioni accumulate durante il giorno. Se avete poco tempo per andare in palestra e avete un po’ di spazio a casa, acquistare un sacco da boxe per l’allenamento è un’ottima soluzione per fare sport senza dover essere vincolati agli orari dei centri fitness. Inoltre, al pari di altri attrezzi, anche il sacco si trova nei negozi di articoli sportivi, anche della grande distribuzione specializzata in fitness.

Scopriamo, ora, alcuni esercizi perfetti migliorare la coordinazione, la resistenza aerobica, tonificare braccia e spalle e bruciare calorie.

Se siete dei neofiti della boxe, i primi giorni allenatevi davanti allo specchio in modo da controllare la postura e i movimenti; sempre all’inizio potete lavorare anche senza il sacco e iniziare a usarlo quando avrete preso la mano con l’allenamento.

Come in ogni sport anche nella boxe “casalinga” dovete fare un allenamento di almeno sei minuti, alternando un minuto di salto con la corda a trenta secondi di corsa a ginocchia alte. Dopodiché iniziate con l’allenamento vero e proprio con i pugni. Un esempio di movimento è quello di alternare pugni destri e sinistri prima per quattro e poi per otto volte il più velocemente che potete, ripete tendo per sessioni di due minuti intervallate da un minuto di riposo.

Copiate i pugili: allenatevi per tre minuti con la corda, in quanto vi aiuterà a migliorare resistenza e coordinazione e ad allenare le gambe. Oltre ai pugni l’allenamento consiste anche di squat, piegamenti sulle gambe e crunch. Infine, concludete l’allenamento con almeno cinque minuti di defaticamento e di stretching, ideale per la flessibilità dei muscoli.

 

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>