Spinning, una pedalata ad alto impatto

di Piera Bellelli 1

Lo spinning è un’attività prevalentemente aerobica, ottima quindi per stimolare il sistema cardiovascolare e favorire il dimagrimento, che viene svolta su delle stationary bike, ovvero delle “cyclette” speciali ancorate a terra. Infatti, questa disciplina nasce proprio come allenamento per i ciclisti e viene chiamata anche indoor cycling. Le lezioni vengono svolte in gruppo con il supporto della musica che non crea solo un sottofondo, ma scandisce tempi e ritmi dell’allenamento. In un’ora si arrivano a bruciare circa 500 Kcal.

Dalla sua nascita, lo spinning, creato da Jhonny G. nel 1995. ha subito varie modifiche. Ad esempio, sono stati introdotti nuovi ritmi ed andamenti, sono state inserite alcune novità come la proiezione di sfondi virtuali per favorire l’immedesimazione e rendere più coinvolgente la lezione, ma anche modalità di lavoro che prevedono movimenti che coinvolgono gli arti superiori.

Una bici da spinning è molto diversa da una semplice cyclette e lo si può notare subito: cambia il telaio, più grande e resistente; il manubrio è ergonomico e fatto in modo da poter posizionare le mani in diversi modi per concentrare l’attenzione su muscoli differenti la regolazione della resistenza è più precisa e prevede un ampio range di livelli; i pedali prevedono spesso l’attacco per le calzature specifiche.

Una lezione, che dura circa 50/60 minuti, prevede una fase di riscaldamento e di allungamento muscolare per poi inserire divers emodalità di lavoro. E’ possibile allenare la forza, la resistenza, tenere sotto controllo la frequenza cardiaca per migliorare l’azione “bruciagrassi” e simulare salite e discese. Nonostante vi sia una forte sollecitazione degli addominali che aiutano a mantenere la postura, delle braccia e del petto, i muscoli coinvolti sono principalmente quelli di gambe e glutei.

Proprio il lavoro concentrato sugli arti inferiori è spesso una preoccupazione del pubblico femminile che teme di ingrossare le gambe seguendo le lezioni di spinning. Una ricerca pubblicata su Performance, il giornale della Federazione Italiana Fitness, ha dimostrato una riduzione della circonferenza della coscia, miglioramento della ritenzione idrica e un calo di peso corporeo. Ovviamente, l’allenamento è stato abbinato ad un programma alimentare preciso.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>