Due esercizi per il mal di schiena

di Piera Commenta

Il mal di schiena è un problema molto diffuso e si stima in Italia siano circa 15 milioni che soffrano di questa patologia e molti, nellla loro vita, si sono ritrovati almeno una volta a combattere con questo disturbo che, nelle forme più gravi, non riescono a svolgere le attività quotidiane e, addirittura, viene considerata la prima causa di assenteismo sul lavoro.

La colonna vertebrale, infatti, sorregge il corpo  in posizione eretta e seduta ed è spesso sollecitata da posture e movimenti poco corretti che, alla lunga, possono portare ad avere dolori musscolari ed articolari. Spesso, poi, vi sono altri fattori, come la malocclusione, problemi ai nervi e stress che possono aggravare il problema. Per contrastare almeno in parte il  mal di schiena, però, si  possono eseguire alcuni semplici esercizi che consentono di rinforzare e contemporaneamente rilassare alcune fasce muscolari specifiche.

La colonna vertebrale, composta da 33 vertebre, è una struttura flessibile che presenta naturalmente tre curve: la lordosi cervicale, che coinvolge 7 vertebre ed ha la funzione principale di sostenere il capo, la cifosi toracica, più ampia, e, infine, la lordosi lombare più vicina anche all’osso sacro ed al coccige. Una postura corretta dovrebbe rispettare questo assetto naturale del corpo per evitare di sollecitare in maniera scorretta i muscoli che vi sono intorno. Ogni curva, se sottoposta a posizioni non corrette, viene colpita in maniera diversa, per intensità e tipologia, da un dolore specifico e, tra questi, la lombalgia, che coinvolge la parte più bassa della schiena, è una delle forme più diffuse. Vi possono essere però alcuni fattori costituzionali, che si presentano già alla nascita o durante le varie fasi della vita, che fanno assumere alla colonna vertebrale posizioni innaturali, ma in generale è importante sempre prestare attenzione alla propria postura, sia in piedi che da seduti per risolvere e prevenire questo problema.

Lugnhe ore seduti alla scrivania dell’ufficio o davanti al computer possono portare ad avere un atteggiamento scorretto: ad esempio, è facile curvare eccessivamente le spalle, sia in avanti che indietro, accentuando le curve naturali della schiena ed influendo così sull’elasticità dei muscoli o provocando un’innaturale sporgenza degli addominali. Per prevenire questi problemi e correggere la postura, però, bastano anche due semplici esercizi:

  1. Distendersi supini su un tappetino con i piedi in appoggio e le gambe piegate. Bisogna portare al petto prima una gamba, aiutandosi con le mani, per avvicinarla quanto più possibile al torace e consentire così il rilassamento dei muscoli della schiena e dell’addome. Dopo circa 15/20 secondi in questa posizione, si può alternare l’altra gamba e ripetere l’esercizio. Successivamente, invece, si può fare lo stesso portando al petto entrambe le ginocchia contemporaneamente;
  2. A carponi, invece, bisogna avere cura di appoggiarsi sulle mani e la braccia, posizionate alla larghezza delle spalle e sulle ginocchia, anch’esse divaricate in linea con le anche. Da questa posizione si deve portare in su la schiena, formando una vera e propria gobba, ruotando leggermente in avanti il bacino e far scendere in giù il capo. Si può anche restare qualche secondo con la schiena curva, respirando lentamente, per poi ritornare in posizione di partenza e ripetere l’esercizio.

Questi semplici esercizi, che possono essere praticati senza controindicazioni, si possono ripetere più volte al giorno per contribuire a rilassare i muscoli e distendere le vertebre della schiena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>