Come allenare le gambe in spiaggia

di Redazione Commenta

Con l’arrivo dell’estate il fitness va in vacanza a meno che non siamo disposti a continuare anche durante le ferie: ecco qualche idea per continuare ad allenare le gambe in spiaggia. D’altronde non si può dire che allenarsi in riva al mare sia meno piacevole che farlo in palestra, no? Cerchiamo dunque di fare di necessità virtù e godercela.

Allenare le gambe è un obiettivo che resta primario in qualunque genere di allenamento, ma lo è soprattutto per chi durante l’anno si dedica alla corsa. Avere gambe in perfetta forma ci fa rendere meglio durante le sessioni sportive oltre a regalarci un aspetto estetico più tonico e definito.

La sabbia è un ottimo alleato di benessere che può rendere l’allenamento al tempo stesso più efficace e più piacevole. Specialmente se ci sistemiamo proprio in riva al mare, o addirittura in acqua, per mantenerci freschi e sfruttare la resistenza dell’acqua stessa. L’ideale è scegliere le prime ore del mattino o la sera dopo il tramonto in modo da evitare gli spiacevoli effetti di troppo sole.

Trattandosi di un terreno instabile rispetto ad un qualunque pavimento, la sabbia rende l’allenamento più intenso perché dobbiamo preoccuparci anche di mantenere il giusto equilibrio e la postura corretta. Così le gambe lavorano di più pur eseguendo gli stessi esercizi di sempre.

Se corriamo sulla sabbia, inoltre, l’impatto sulle articolazioni viene attutito dalla sua consistenza morbida. Possiamo dunque fare un po’ di corsa, anche sul posto, oppure salti (con la corda o a corpo liberi) e affondi. Che si tratti di esercizi aerobici o di lavoro anaerobico, l’efficacia è potenziata e ridotto il rischio di lesioni.

Anche giocare in spiaggia, per esempio a beach volley, a calcio o con i racchettoni, ci permette di potenziare le gambe, tonificarle e rinforzarne tutti i muscoli. Persino camminare sulla spiaggia richiede ai muscoli uno sforzo maggiore rispetto alla camminata su altre superfici quindi per i più pigri può bastare una passeggiata sulla battigia.

Non dimentichiamo poi i vantaggi offerti dall’acqua del mare. La resistenza al movimento aumenta se lo realizziamo immersi in mare, aumentando dunque anche l’efficacia dell’esercizio. Basterà che l’acqua arrivi alla caviglie per la corsa, fin a poco sotto il bacino per eseguire altri esercizi.

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>