Ginocchio da scrivania, gli esercizi per chi sta molto tempo seduto

di Daniela Ciabattini 1

Chi svolge un lavoro sedentario soffre di dolori alle ginocchia in maniera maggiore rispetto a chi ha un tipo di lavoro diverso. Questo è il risultato di uno studio che proviene dal Regno Unito secondo il quale un impiegato su quattro soffre di disturbi articolari alle ginocchia e nonostante ciò, non effettua un adeguato movimento fisico fuori dall’orario lavorativo. Questa scoperta britannica può essere applicata anche all’Italia, dove il numero dei sedentari è in costante aumento.

Gli ortopedici italiani, infatti, confermano che negli ultimi dieci anni il numero dei pazienti in cura per problemi dovuti alla sedentarietà è in aumento. La maggior parte delle persone, infatti, trascorrono almeno otto ore della propria giornata seduti alla scrivania con le gambe ferme sempre nella stessa posizione.

A risentire di ciò, considerando anche le posture spesso scorrette, sono la schiena, l’apparato cardiovascolare e, naturalmente, le articolazioni, in particolare quelle del ginocchio che a lungo andare può sviluppare l’osteoartrite, senza contare i possibili problemi di aumento di peso dovuti dalla sedentarietà.

La principale conseguenza dell’immobilità del ginocchio è un dolore che diventa via via sempre più intenso fino ad avvertire una sensazione di scricchiolio quando si cammina, che come dicevamo, se trascurata può sfociare in osteoartrite, ossia alla degenerazione delle cartilagini articolari.

Per prevenire ciò è necessario fare un po’ di movimento fisico per bilanciare le ore che siamo costretti a passare seduti. Ecco qualche esercizio che potrà esservi utile per “muovere le ginocchia”; ogni esercizio deve essere ripetuto per dodici volte per almeno tre volte a settimana.

Mezzo Squat

Mettetevi in piedi davanti a una sedia con i piedi a larghezza spalle, piegate lentamente le gambe fino ad abbassarvi alla metà della distanza che vi allontana dalla sedie; tenete gli addominali contratti.

Squat isometrico

In posizione eretta appoggiate la schiena alla parete e scivolate verso il basso allontanando i piedi dal muro fino a portare le cosce ad essere parallele al muro; mantenete questa posizione per trenta secondi.

Step up

Effetuate dei movimenti di salita e di discesa aiutandovi con qualsiasi tipo di gradino, contraendo il quadricipite.

 

[Fonte]

 

Photo Credit | Thinkstock

 

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>