Italiani, popolo di sedentari

di Redazione Commenta

A giudicare dall’affluenza sempre maggiore nelle palestre nostrane non si direbbe, eppure pare che gli italiani siano un popolo di sedentari e di pigri. A rivelarlo è un’indagine condotta da Passi (acronimo di Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia), che ha stilato un rapporto secondo il quale un terzo della popolazione del Belpaese non pratica attività fisica.

C’è poi una bella fetta di popolazione che dice di praticare sport con regolarità (il 33%) ed un’altra fetta che cerca di tenersi in forma solo saltuariamente (il 37%). Il popolo del divano e del telecomando è dunque molto numeroso e le percentuali tendono a salire nel sud Italia, dove in alcune regioni (vedi la Basilicata), i sedentari rappresentano il 47% della popolazione. Dati questi che mettono in allarme, considerando le patologie legate allo stile di vita sedentario, prima fra tutte l’obesità.

Resta da capire se coloro che non praticano attività fisica siano solo pigri o se il tran tran della vita quotidiana li allontana dal piacere di fare sport. Qualunque sia la motivazione, però, è sempre possibile cambiare stile di vita, pur mantenendo gli stessi ritmi.

Cosa fare per tenesi in forma senza necessariamente ricorrere ad un centro fitness? I consigli sono sempre gli stessi, ma vale la pena tornare sull’argomento, nella speranza che il pigro o il sedentario prendano atto dei rischi e comincino a praticare un po’ di moto. Ad esempio, non è necessario parcheggiare la propria auto all’ingresso di casa, magari facendo il giro del palazzo all’infinito, nell’attesa che si liberi un posto. Meglio lasciare la macchina a distanza e poi procedere a piedi fino a casa.

Abitate al terzo piano del palazzo? Fate le scale a piedi ed evitate l’uso dell’ascensore: tre piani di scale non hanno mai ucciso nessuno. Nei giorni di festa o di riposo, tirate fuori dal garage la bici o fate una bella camminata. Non c’è bisogno di chissà quale sforzo per tenersi in movimento ed evitare patologie anche gravi legate alla vita sedentaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>