Energy drink naturali, come prepararli in casa

di Piera Bellelli 1

Gli energy drink presenti in commercio, oltre a dosi variabili di caffeina, taurina ed altri stimolanti come il guaranà, contengono anche alcune sostanze non proprio salutari. Inoltre, queste bevande sono spesso sconsigliate a chi soffre di ipertensione o problemi cardiovascolari. Ecco qualche consiglio per preparare energy drink naturali, un vero concentrato di benessere oltre che di energia.

Per chi vuole tirarsi su senza incorrere in controindicazioni può scegliere tra diverse soluzioni.

L‘erba mate, o yerba mate, una pianta sudamericana, è molto simile al thè e viene preparata secondo un metodo preciso e degli accessori particolari. In Sudamerica la preparazione tradizionale di questa bevanda è un vero e proprio rito, il cebar mate, e si sorseggia in compagnia. Chi vuole provarla può scegliere il mate cocido, ovvero il mate,  in foglia essicata o bustina, preparato per infusione proprio come il thè. Una tazza abbondante di matè contiene un po’ di caffeina, circa  1,20%, ma da energia senza creare tremore e tachicardia e contiene tutte le vitamine essenziali per l’organismo. Ottimo anche per chi segue un regime dietetico per la sua proprietà di stimolare il metabolismo e calmare l’appetito.

Un frullato alla banana è un’ottima soluzione per far il pieno di nutrienti e, grazie all’elevato contenuto di potassio di questo frutto, prevenire i dolorosi crampi durante l’attività sportiva. Alla banana va aggiunto del latte, magari quello di soja, un cucchiaio di arachidi o di burro d’arachidi se volete un frullato più gustoso e del ghiaccio. Questo frullalto da la giusta dose di carboidrati e proteine, da energia al corpo senza affaticare lo stomaco.

Un centrifugato di spinaci, sedano, pomodoro ed asparagi, mischiato con qualche seme oleoso, come lino, sesamo o zucca, è invece la bevanda adatta a chi soffre di astenia e di carenza di ferro, una delle prime cause di spossatezza. Se si aggiungono anche le carote, inoltre, diventa una bevanda adatta per migliorare l’abbronzatura e rendere più bella la pelle nel periodo estivo.

Se invece non si vuole perdere troppo tempo con centrifughe e frullatori, una manciata di bacche di goji aiuta a fare il pieno di vitamine e di antiossidanti.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>