Dimagrire camminando, walking!

di Silvana 1

Il Walking (camminare) rappresenta una vera e propria pratica sportiva adatta a tutti. Va bene per uomini e donne, allenati e non, anche in situazione di obesità e sovrappeso (per i quali è invece sconsigliata la corsa) ed è perfetto per chi desidera mantenersi in forma senza affaticarsi troppo. Per fare walking non sono necessari particolari accorgimenti, semplicemente, come per il jogging e il running vale la regola della gradualità: almeno per le prime tre settimane è consigliabile fare non più di tre uscite settimanali di trenta minuti ciascuna.

Ma in cosa consiste esattamente il walking?

Il walking è una camminata fluida a passo svelto ma non deve essere assolutamente confuso con la blanda passeggiatina salutare di pochi minuti al giorno. Superate le fasi iniziali, la durata delle uscite deve raggiungere, con gradualità, almeno le due ore al giorno, dettaglio questo che fa del walking uno sport ideale per chi ha molto tempo. Diversamente, è difficile ottenere i benefici sperati.

Quali sono i benefici?

Il walking aiuta senz’altro a scaricare stress e tensioni e migliora il tono dell’umore. E’ ideale anche per bruciare i grassi, tonificare i muscoli (soprattutto quelli della parte inferiore del corpo) e migliorare le funzioni cardiaca e respiratoria. Contrasta l’invecchiamento muscolare, è un toccasana per le articolazioni.

Le nostre camminate all’aria aperta dovranno avvenire in luoghi in cui l’aria sia pulita e il terreno non troppo pianeggiante; strade e sentieri di campagna, prati e spiagge sono di gran lunga preferibili a marciapiedi che costeggiano strade trafficate.

L’abbigliamento ideale è comodo, gli abiti dovranno assolutamente realizzati in tessuto traspirante. Di grande importanza la scelta delle scarpe: quando andrete a comprarle specificate l’uso che intendete farne. Le scarpe da walking hanno infatti delle caratteristiche distintive molto precise: il tacco è più smussato per facilitare l’impatto del tallone con il suolo, la suola è dotata di scanalature orizzontali più ravvicinate all’altezza delle dita (questo ci permette di sfruttare più a lungo la spinta) e il battistrada è di gomma molto resistente.

E’ consigliabile far precedere ogni camminata da lameno 15 minuti di stretching. Più in generale, occorre ascoltare il proprio corpo e rispettarne ritmi ed esigenze. Fermarsi e godere il panorama ogni tanto non toglierà nulla al vostro allenamento. Il walking non deve diventare motivo di stress!

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Jogging, qualche consiglio per cominciare

Stretching, perchè è una buona abitudine.

Photo credit | Thinkstock

 

 

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>