Praticare sport per combattere l’insorgenza di tumori

di Federica Trovato Commenta

E’ da sempre risaputo che facendo una buona attività fisica manteniamo operativi i nostri organi, miglioriamo i tessuti e le funzioni del nostro corpo. La carenza di movimento può comportare conseguenze importanti non solo a livello muscolare, ma su tutto il corpo.

Un attività costante e ben programmata è in grado di indurre cambiamenti capaci di limitare e diminuire il rischio di molte condizioni patologiche.

Molti studi scientifici hanno evidenziato che effettuando 30 minuti di allenamento quotidiano si va a diminuire notevolmente il rischio di sviluppare tumori. Nel nostro Paese coloro che praticano una qualche attività fisica sono circa il 30% della popolazione, un altro 30% pratica uno sport vero e proprio, mentre circa il 40% dichiara di condurre una vita sedentaria.

Forse non tutti sanno che, oltre ad avere un ruolo preventivo nei confronti di tumori, l’attività fisica contrasta anche l’insorgenza di altre malattie quali l’osteoporosi, il diabete e altre malattie coronarie particolarmente nocive per il nostro organismo.

In passato molti medici consigliavano il riposo alle persone con tumori maligni ma alcuni studi hanno fornito la consapevolezza che un buon movimento può aumentare l’efficienza fisica e quindi migliorare la qualità di vita. Per chi volesse iniziare un’attività fisica, è consigliabile farlo molto gradualmente tenendo conto del proprio stato di salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>