Perché fare squat ogni giorno

di Sara Mostaccio Commenta

Gli squat ogni giorno possono fare la differenza tra un fisico tonico e un corpo perfetto: l’esercizio, che si presta anche a tante variazioni, è uno dei più efficaci per rimettersi in forma lavorando con i muscoli delle gambe, dei glutei e dell’addome.

I benefici sono molti e li scopriamo oggi per imparare a inserire con costanza gli squat nella nostra routine di allenamento quotidiana, per trarne il massimo vantaggio e preparare anche una base potente per altre discipline che richiedono gambe forti.

Forza e potenza

Glutei, quadricipiti e polpacci saranno più stabili, sodi e potenti guadagnando in forza. Inoltre il movimento stimola la mobilità dei fianchi e del bacino, essenziale in molti sport e anche nel miglioramento del salto verso l’alto.

Più definizione

Muscoli più tonici e ben lavorati diventano definiti e il sedere a sua volta si solleverà regalandovi quello che sognavate da tempo, un fondoschiena da urlo. Con un solo e semplice esercizio ripetuto con costanza.

Articolazioni più mobili

Lavorando con i piegamenti le articolazioni traggono vantaggio: le anche e le caviglie diventano più flessibili e questo avrà una ricaduta positiva anche sui fastidi alla zona bassa della schiena e alle ginocchia.

Addominali più forti

Eseguire gli squat richiede una posizione stabile che punta tutto sul centro del corpo per mantenersi ben bilanciati dunque gli addominali lavoreranno e si attiveranno definendosi a loro volta. Questo migliorerà anche la postura.

Postura migliore

La stabilizzazione della posizione e la distribuzione del peso, insieme al lavoro addominale, miglioreranno la percezione del vostro corpo durante l’esercizio e la postura generale alla fine dell’allenamento: tutti i muscoli coinvolti nella posizione eretta infatti vengono allenati.

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>