Pancia gonfia: che cosa la provoca?

di Francesca Spano Commenta

Dolori alla pancia o, semplicemente, gonfiore addominale eccessivo. Se non ci sono problemi di altro genere, la causa potrebbe essere dovuta al forte stress. Non è importante che voi vi sentite tranquilli, i mille impegni e pensieri quotidiani potrebbero essere avvertiti direttamente dal nostro “secondo cervello”. Fate attenzione anche al rischio di problemi di diabete, ma poi puntate proprio su questa caratteristica che ha natura psicologia.

Lo stress, infatti, è responsabile della produzione di grasso viscerale, lo stesso che tende ad accumularsi tutto intorno agli addominali. Il gonfiore di stomaco, a lungo andare, causa il rischio di contrarre malattie cardiovascolari e il diabete di tipo 2. Una situazione del genere viene causata pure da una dieta ad alto contenuto di zuccheri. Porta, infatti, ad uno stato di stanchezza mentale capace di permettere l’accumulo di grassi.

Trovate dunque la causa che tanto vi causa problemi e cercate di rimuoverla alla radice, in modo da ritrovare la calma. Non dite sempre sì, molto spesso è fondamentale saper dire di no. Questo vale sia per il lavoro che per la famiglia. In poche parole, a volte imparate ad esserci anche per voi stessi. L’assunzione di zuccheri, comunque, va ridotta in ogni caso perché sovraccaricano il corpo e provate a mangiare fitoestrogeni. Si tratta di componenti vegetali che si trovano nei legumi secchi e possono sostituire gli estrogeni.

Del resto, se avete troppa voglia di zuccheri, il problema potrebbe essere legato al basso livello di triptofano. Attraverso i suoi aminoacidi assimila la serotonina, il cosiddetto “ormone della felicità”. L’insulina, rilasciata attraverso l’assunzione di zucchero, permette l’entrata di triptofano nel circolo del cervello. Cibi che lo contengono in quantità e che, dunque, andrebbero assunti sono per esempio il tacchino, l’avocado e le banane. Se, invece, avete sempre voglia di cibo salato, dovreste fare attenzione alla ghiandola surrenale.

Photo Credit: Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>