La dieta per la pancia piatta

di Gioia Bò Commenta

Anche chi fa sport in modo abituale può sentirsi a volte gonfio a livello addominale. Colpa dei chili in eccesso? Spesso si, ma non necessariamente, sebbene l’alimentazione sia di fontamentale importanza nell’insorgere del fastidio.

La cosiddetta pancia gonfia è da attribuire ad una dieta scorretta, che porta poi l’organismo a ribellarsi, mostrando un addome pronunciato ed assolutamente antiestetico. La prima cosa da fare, dunque, è quella di eliminare determinate categorie di alimenti dalla propria dieta, preferendone invece altri più depurativi.

Ma andiamo con ordine e cominciamo con i cibi da evitare, se si vuole ottenere una pancia perfettamente piatta, libera dal gonfiore e da esibire nelle nostre prime gite al mare.

Pasta, pane e, in generale, tutti gli alimenti lievitati, tendono a far gonfiare l’addome, per cui sono proprio questi i primi da allontanare dalla tavola. Attenzione però: non stiamo demonizzando alcun tipo di alimento e le indicazioni sono da riferirsi ad un periodo limitato di tempo, a mo’ di esercizio “depurativo”. Ricordiamo inoltre che sgonfiarsi non significa certo patire la fame ed in luogo della pasta o del pane sarà bene integrare la propria dieta con del riso, ad esempio.

Altri cibi da consumare con moderazione (o da eliminare per un breve periodo di tempo) sono i legumi, i cavoli, i pomodori, i peperoni… tutti responsabili del fastidioso gonfiore. Meglio puntare su alimenti depurativi quali carote, zucche, carciofi, sedano, asparagi, o su frutti come le mele, le pere o l’ananas.

Preferiamo poi una cottura a vapore a quella tradizionale, in modo da non appesantire ulteriormente gli alimenti e rendendoli più digeribili. Insomma, se siete preoccupati per la prova costume a causa della pancia non perfettamente piatta, provate ad esercitarvi in una sana alimentazione e vedrete che nel giro di un paio di settimane il vostro addome avrà un aspetto notevolmente migliore. Occhio però: come detto, la dieta della pancia piatta va seguita solo per un breve periodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>