Glutei e addome da urlo con ballet beautiful

di Silvana Commenta

Le ballerine di danza classica suscitano spesso l’ammirazione delle spettatrici non solo per la bravura nell’esecuzione delle coreografie ma anche per la leggiadria dei loro fisici asciutti e scolpiti. Non di rado ci sorprendiamo a chiederci quale è il loro segreto ma questo di solito accade un attimo prima di ricordare che ogni giorno si sottopongono ad ore ed ore di estenuante esercizio. Certo, la danza  è un’arte alla quale bisogna avvicinarsi sin dalla più tenera età e presumibilmente per noi è un po’ tardi per ottenere lo stesso risultato in termini di bellezza fisica ma non è detto che non possiamo ottenere qualcosa di simile. Basterebbe fare beautiful ballet!

Il ballet beautiful è un metodo di allenamento ideato dall’ex danzatrice del New York City Ballet Mary Helen Bowers e mutuato, appunto, dagli esercizi delle ballerine di danza classica. Più precisamente, si tratta di un mix di esercizi di potenziamento, tonificazione e allungamento tratti da pilates, yoga, danza e metodo Lotte Berk che hanno come base una vera e propria lezione di danza classica alla sbarra ma durante i quali ci si avvale dell’aiuto di piccoli pesi.  Si tratta comunque di esercizi a basso impatto e, con i dovuti accorgimenti, adatti a persone di tutte le età la cui efficacia nello scolpire il corpo migliorando tonicità, postura e forza.

Il programma di allenamento sembra sia particolarmente efficace per rassodare i glutei e appiattire l’addome. A dirlo sono le star dei Holliwood, da Madonna a Natalie Portman della quale la Bowers è stata  trainer durante le riprese del film Il Cigno Nero. Purtroppo però il metodo, popolarissimo a New York, non ha ancora preso piede in Italia. Chi desidera provarlo però può consolarsi acquistando il dvd delle lezioni (di gruppo, quindi organizzatevi con le vostre amiche) dal sito ufficiale.

Photo credit | Think Stock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>