Dieta Plank, benefici e rischi

di Gioia Bò Commenta

Tra gli innumerevoli metodi di dimagrimento presenti nel panorama internazionale, la dieta Plank è sicuramente quella che promette i benefici sperati nel minor tempo possibile. Perdere 9 chili in due settimane (come promette appunto questo regime alimentare) non è così così semplice come potrebbe sembrare ed è per questo che molti soggetti si sono lasciati convincere dalla facilità con cui si perdono i chili di troppo. Attenzione però, perché la dieta Plank, pur essendo validissima ed efficace, comporta diversi rischi, specie se prolungata nel tempo o se seguita da soggetti con patologie più o meno serie. Volete saperne di più?

Cominciamo col dire che la dieta Plank è un regime alimentare basato sul consumo massiccio di proteine, mentre carboidrati e zuccheri vengono quasi eliminati dalla tavola. Uova, bistecche, pollo e pesce lesso (oltre a frutta e verdura) vengono inseriti quotidianamente nella dieta, mentre pasta, pane e dolci non trovano posto nei vari pasti. Seguendo scrupolosamente la dieta Plank si possono ottenere risultati immediati, che portano al calo di 6-9 chili nel giro di due settimane.

Dieta miracolosa, dunque? No, perché come tutte le diete “estreme” ha i suoi limiti. Prima di tutto occorre precisare che la dieta Plank non si può seguire per più di due settimane. Ottima soluzione, quindi, per chi ha qualche chilo da buttar giù in vista della prova costume, ma per chi ha problemi di sovrappeso e pretende magari di risolvere i propri problemi mandando giù quattro uova e due bistecche a settimana.

Inoltre la dieta Plank è particolarmente dannosa per quanti soffrono di diabete (la mancanza di zuccheri può causare l’ipoglicemia), per i soggetti con colesterolo alto (visto l’alto consumo di uova), per gli anemici (poco ferro nella dieta) e per quanti hanno problemi renali.

Per concludere, seguite pure la dieta Plank per buttare giù qualche chilo, ma non lasciatevi sedurre dalla facilità del dimagrimento, se non volete rischiare gravi danni per il vostro organismo. In ogni caso, prima di sottoporsi a qualunque tipo di dieta, occorrerebbe ascoltare il parere di un nutrizionista.

Photo Credits | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>