I benefici del plank

di Sara Mostaccio Commenta

Abbiamo scoperto diversi metodi per eseguire il plank e anche la tecnica per fare il plank in modo corretto ma oggi vogliamo soffermarci soprattutto sui benefici del plank. Essendo un esercizio semplice da eseguire perché non richiede attrezzi se non il proprio corpo, che lavora con il suo stesso peso, offre molti vantaggi in termini di efficacia e facilità.

benefici del plank

Questo tipo di esercizio bodyweight si può eseguire ovunque e non richiede neanche un investimento di tempo molto elevato trattandosi di un lavoro intenso che può essere eseguito in pochi minuti. Inoltre è un esercizio molto completo che coinvolge tutto il corpo pur lavorando più intensamente sulla cintura addominale.

I muscoli addominali, ma anche la zona lombare, trarranno grande giovamento da questo esercizio. Saranno più forti, reattivi e performanti, sia durante altri sport che nella vita quotidiana, aiutandoci a sostenere meglio la postura corretta del corpo. A lavorare intensamente sono addominali trasversi, retto addominale, obliqui esterni e glutei, tutti muscoli coinvolti nella capacità del corpo di sostenersi e agire in diverse situazioni.

Lavorando con il plank si riduce il rischio di infortuni alla schiena perché si rinforzano i muscoli e si garantisce una migliore capacità di sostegno della parte superiore del corpo che grava meno sulla colonna vertebrale.

Di conseguenza migliorano anche l’equilibrio e la flessibilità, dal momento che si lavora allungando i gruppi muscolari posteriori ma anche i tendini del ginocchio, le dita dei piedi, gli archi plantari e ancora le spalle, le clavicole e le scapole.

Il metabolismo, nel contempo, inizierà a lavorare con maggiore efficienza. Il lavoro isometrico molto intenso fa consumare più calorie perché anche quando il lavoro muscolare sarà concluso il corpo continuerà a bruciare. Infine, il plank ha un ottimo beneficio sull’aspetto mentale: essendo una posizione molto intensa da mantenere mette alla prova la nostra determinazione e la capacità di concentrazione.

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>