Varianti del mountain climber, video

di Sara Mostaccio Commenta

Oggi torniamo a parlare di allenamento in casa: costruire una routine efficace non può prescindere dall’esercizio noto come mountain climber, un movimento ottimo per la tonificazione muscolare con buona ricadute anche sul sistema cardiovascolare.

È un esercizio bodyweight che non richiede l’uso di alcun attrezzo specifico, basta il proprio corpo e il suo stesso peso per renderlo efficace e intenso quanto basta. Scopriamone oggi ben 13 varianti per modificarlo a seconda delle proprie preferenze e del proprio grado di allenamento, in modo da rendere la routine sempre varia.

Il mountain climber nasce come un esercizio molto completo perché coinvolge tutto il corpo. La posizione di base da cui si parte è inoltre molto simile a quella del plank, di cui conosciamo già i grandi benefici su tutto il corpo. In più il mountain climber, essendo dinamico, consente anche di bruciare tante calorie e dare una sferzata di vitalità al cuore e al metabolismo.

Gli obiettivi principali di questo esercizio sono tre: raffozare i muscoli di tutto il corpo, dal treno superiore a quello inferiore con un focus importante sulla fascia addominale; migliorare la resistenza cardiovascolare; perdere peso bruciando calorie e grassi.

Per la maggior parte degli esercizi, tutti spiegati nel video, non vi serverà altro che il vostro corpo. Per alcuni di essi potrete servirvi di una semplice sedia, alla portata di chiunque in qualunque casa. Se vi allenate in palestra invece basterà la classica panca.

Le varianti sono tante e tutte basate su un ritmo sostenuto che consente di ottenere tutti e tre gli obiettivi elencati sopra. Per iniziare però potete mantenere un ritmo più basso ed elevarlo via via che sarete più allenati e sopporterete meglio l’intensità dell’esercizio.

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>