Primi benefici dell’attività fisica

di Paoletta Commenta

Quanto è importante fare sport e muoversi? Moltiplicate per quattro – me lo diceva sempre l’allenatore di nuoto da ragazza – l’entità di qualunque risposta abbiate sulla lingua e avrete indovinato.

L’attività fisica è fondamentale per il corpo e per la mente e i soli a ignorarne tale essenza sembra siano i politici e i dirigenti scolastici italiani che, nel delineare i piani di diritto allo studio e i programmi formativi annuali concedono ampio spazio a qualunque materia che non sia quella dell’educazione fisica.

C’è la scena di un film – era di Leonardo Pieraccioni, titolo “Ti amo in tutte le lingue del mondo” – che rende bene l’idea di cosa voglio dire: lui faceva l’insegnante di educazione fisica e nel corso dei colloqui tra genitori e professori era sempre quello la cui fila era vuota, sguarnita. Nessun genitore a chiedere informazioni sul proprio figlio.

La dice lunga ma rispecchia fedelmente la situazione culturale – perché a lungo andare comportamenti e attitudini definiscono la cultura di un popolo – della penisola, assai distante da Paesi, vedi l’America, in cui accade che uno studente venga premiato anche per le sue capacità atletiche.

Per certi versi, si esagera anche lì ma almeno pare che gli Stati Uniti colgano appieno l’importanza dello sport nella vita quotidiana: non è solo occasione per costruirsi il futuro ma diventa ottima prassi da custodire nel corso di una vita intera. Quanto faccia male la sedentarietà è risaputo: porta a un minimo consumo di calorie e a un massimo accumulo di grassi. Ecco perché durante il tempo libero è fondamentale muoversi e praticare uno sport con costanza. Come l’alimentazione, anche il movimento aiuta a migliorare la qualità della vita.

E’ provato scientificamente che l’attività fisica produce nell’organismo una serie di cambiamenti immediati e visibili già dopo poche settimane. I primi benefici garantiti dallo sport sono quelli della

  1. diminuzione del battito cardiaco a riposo e sotto sforzo, aumento della quantità di sangue pompato dal cuore ad ogni battito;
  2. riduzione del colesterolo LDL (cosiddetto cattivo) ed aumento del colesterolo HDL (detto buono);
  3. riduzione della pressione arteriosa sistolica (la massima);
  4. aumento dell’efficienza respiratoria;
  5. miglioramento della mobilità articolare e mantenimento della forza; della riduzione del grasso corporeo;
  6.  miglioramento delle funzioni cerebrali.

Infine, mi permetto di aggiungere, uno dei benefici maggiori resta pur sempre quello dell’aumento di sicurezza e autostima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>