100 anni di fitness, video

di Sara Mostaccio Commenta

In un video di 100 secondi ripercorriamo 100 anni di fitness con le discipline e gli stili sportivi che hanno caratterizzato ogni decennio a partire dall’inizio del Novecento fino ai giorni nostri. Tutto da un punto di vista squisitamente femminile.

È un videoracconto divertente e illuminante che getta luce su quanto la filosofia del fitness si sia sviluppata nel corso del tempo arrivando ad un culto del corpo molto diverso rispetto a quello degli esordi.

Gli anni ‘10 e ’20 del Novecento si limitavano a suggerire movimenti di allungamento dolci che non provocassero sgradevole sudorazione, considerata qualcosa di molto poco femminile. I movimenti sono avvicinando a quelli della danza più amata del tempo, il Charleston.

Via via si punta sempre più su un aspetto sensuale del corpo fino ad arrivare ad una vera esplosione di energia già negli anni Cinquanta, con l’hula hoop. Gli anni Sessanta sono invece il trionfo del Twist mentre gli anni Settanta raccontano il successo del fenomeno Jazzercise che combina movimenti aerobici e danza jazz per snellire e tonificare il corpo.

Se fino a qui potevamo avere qualche dubbio su quale fosse la disciplina che meglio rappresentasse un decennio, non ce ne sono affatto riguardo agli anni Ottanta, il decennio dell’aerobica e di un corpo scolpito come status symbol.

Negli anni Novanta si assiste ad una diffusione delle arti marziali combinate ai ritmi dell’aerobica mentre la danza vera e propria riprende il controllo delle attività fisiche femminile a partire dal 2000: prima street-dance, hip hop e discipline affini; adesso Zumba.

Il video, opera di Benenden Health, ripercorre la storia del fitness tematizzando ogni epoca anche con lo stile della modella, la qualità della ripresa e le musiche che l’accompagnano e il risultato è davvero illuminante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>