Additivi alimentari, come ridurre il consumo

di Paoletta Commenta

 Sono considerati additivi le sostanze utilizzate solo per migliorare le qualità organolettiche di un alimento, il che, tradotto, equivale a prendere in considerazione gli spetti legati al gusto, al sapore, all’aspetto, all’odore oppure al tentativo di conservare il più a lungo possibile le caratteristiche chimiche e fisiche dell’alimento stesso.

Gli additivi sono suddivisi in diverse categorie determinate a seconda della loro azione: esistono i conservanti, gli acidificanti, i coloranti, gli antiossidanti e così via. In etichetta vanno indicati con il nome della loro categoria di appartenenza, seguito a ruota dal nome specifico o dal numero assegnatogli dalla Cee, preceduto dalla lettera E.

Nessuno sa elencare con precisione quali possano essere nel lungo periodo le conseguenze degli additivi alimentari sull’organismo. Ed è questo uno dei motivi per i quali gli esperti consigliano di ridurre al massimo, per quanto possibile, i prodotti alimentari che contengono additivi.

Ecco alcune indicazioni utili per tentare una riduzione immediata del consumo di additivi:

  1. tenere sempre presente che la gran parte degli alimenti può essere consumata fresca con beneficio consequenziale a corpo e mente;
  2. non dimenticare che i cibi più essenziali, quali sono carne, pesce formaggi tradizionali, legumi, pane, pasta e altri cereali in genere non contengono alcun tipo di additivo;
  3. ricordare che sono i cibi pronti – meglio noti come preconfezionati (e, tenuta in conto la tendenza dei giorni nostri di cucinare solo buste e scatolette da scaldare in pochi secondi, tutti sappiamo bene quali sono) quelli che rispetto agli altri contengono maggiori quantità di additivi;
  4. quando possibile, è bene e consigliabile preferire tra gli altri solo quegli alimenti conservati secondo metodi tradizionali, ovvero con l’utilizzo di alcol, olio, aceto, sale, salamoia, essiccazione o stagionatura;
  5. gran parte dei prodotti surgelati sono privi di additivi. Infatti, laddove ben conservati, gli alimenti surgelati offrono e gaarntiscono una valida alternativa ai prodotti conservati con additivi chimici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>