Recumbent bike, pedalare distesi

di Redazione 1

Avete mai sentito parlare di recumbent bike? E di bici reclinata? No? Ci credo, nel nostro paese quasi non esistono! Le recumbent bike sono biciclette del tutto particolari a vedersi, caratterizzate da una posizione di guida supina o quasi. E se credete che rappresentino l’ultima novità in fatto di fit gadget, magari importata, come sempre, dagli Stati Uniti, siete fuori strada.

Sembra infatti che la nascita della bicicletta reclinata sia avvenuta contestualmente a quella della bicicletta classica alla fine dell’ottocento ma che questa sia caduta in disuso nei primi decenni del ‘900 per questioni legate alle gare di ciclismo professionale.

Lasciate nell’oblio per circa un trentennio sono state recuperate solo di recente, per lo meno in Italia, grazie all’iniziativa di gruppi di appassionati sorti qua e là. Sono invece molto diffuse nei paesi dell’Europa del Nord dove, come sappiamo bene, la bicletta è un’istituzione in tutte le sue forme. Ma veniamo alle sue caratteristiche ergonomiche ed aerodinamiche:

Nella recoumbet bike lo stretto sellino della bici classica è sostituito da un largo sedile anatomico sul quale il ciclista poggia la schiena, parte delle spalle e, naturalmente, i glutei. I pedali (fermo restando che ne esistono modelli differenti) sono situati davanti al manubrio e le gambe sono dunque distese in avanti durante la pedalata. Rispetto alla tradizionale bicicletta il baricentro è più basso e c’è un minore impegno di polsi, braccia, addominali e muscoli del collo.

Dettagli, questi ultimi, che rendono la recoumbent bike il mezzo di trasporto ideale per gli appassionati di cicloturismo.

Le biciclette reclinabili sono inoltre molto aerodinamiche e consentono, in pianura, di raggiungere velocità considerevoli, decisamente superiori a quelle della bici tradizionale. Pongono però dei problemi sui tratti in salita: da un lato perchè hanno un peso maggiore, dall’altro perchè il ciclista è impossibilitato ad esercitare forza sui pedali attraverso il peso del corpo.

Altri articoli che possono interessarti:

I benefici della passegiata in bicicletta.

 

 

 

 

 

 

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>