Perdere peso è un fatto emotivo

di Martina Commenta

Riuscire a perdere peso non è affatto facile: a volte si rischia di seguire una (o più) dieta sbagliata col risultato di perdere solo tempo. Quindi cosa fare? Arrendersi? No, mai! Piuttosto dovremmo cercare di capire se quando si parla di cibo siamo insaziabili, compulsivi oppure emotivi. Già, secondo i risultati di uno studio condotto da Susan Jebb, dell’Università di Oxford, esperta in nutrizione, e dal genetista Giles Yeo, dell’Università di Cambridge a seconda del gruppo cui si appartiene andrà scelta la dieta migliore per perdere peso.

Quindi per chi appartiene al gruppo degli emotivi dovrebbe optare per una dieta in stile “Weight watchers” (che si focalizza più su un aspetto sociale); agli insaziabili viene consigliata una dieta iperproteica mentre ai compulsivi una particolare versione della dieta 5:2, con due giorni in cui si consumano soltanto 800 calorie e il resto delle giornate in cui si mangia a piacere.

Vi ricordiamo comunque sia che prima di iniziare a seguire una dieta sarebbe opportuno rivolgersi a personale esperto.

Via| ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>