La ginnastica svedese per migliorare tono muscolare, equlibrio e postura

di Silvana Commenta

La ginnastica svedese si basa sul metodo di allenamento Ling elaborato ai primi dell’800 da Pehr Henrick Ling. Quest’ultimo basò il proprio metodo, rivoluzionario per l’epoca, sullo studio dell’influenza che i movimenti possono avere sul corpo a scopo curativo e riabilitativo. Si deve a Ling, ad esempio, la comprensione del ruolo della colonna vertebrale nel movimento degli arti superiori e inferiori. Inoltre egli cercò di dimostrare scientificamente quanto praticare regolarmente attività fisica incidesse sia sulla salute del corpo che su quella della mente e sulle prestazioni intellettuali.

Il metodo originario pervedeva quattro ambiti applicativi: educativo, medico, militare ed estetico. In ambito educativo, il metodo si rivolge ai giovani con l’obiettivo di tonificare la muscolatura, migliorare l’equilibrio e la postura, allungare la colonna vertebrale; è previsto l’utilizzo di attrezzi molto popolari anche nelle nostre palestre scolastiche quali quadro svedese e spalliera.

In ambito medico invece il metodo Ling si rivolge alla cura di patologie precise quali la scoliosi, mentre in ambito militare è finalizzato al miglioramento di forza, equilibrio, postura e agilità attraverso l’utilizzo di attrezzi quali sbarra, parallele, quadro svedese e kettlebell.

In ambito estetico le rivisitazioni del metodo Ling sono molto popolari soprattutto in Francia dove vengono proposte con il nome di ginnastica svedese tout court. Si lavora con semplici esercizi, calibrati in funzione delle esigenze individuali, come previsto dal metodo, ed eseguiti in gruppo.

Le lezioni prevedono un sottofondo musicale ma non l’esecuzione di coreografie. I partecipanti si dispongono in cerchio al centro del quale si accomoda l’insegnante. Come in ogni allenamento che si rispetti si comincia con una fase di riscaldamento caratterizzata da movimenti semplici per preparare i muscoli all’allenamento e sciogliere le articolazioni.

Si prosegue con esercizi di rafforzamento muscolare alternati ad esercizi finalizzati a migliorare funzioni cardiache, equilibrio e postura eseguiti singolarmente o in coppia. Si conclude con esercizi di defaticamento, rilassamento e stretching.

Photo credit | Think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>