Dieta e fitness, il falso mito delle uova

di Redazione Commenta

Le uova andrebbero evitate durante una dieta equilibrata associata a tanto sport? Un mito, a quanto confermano gli esperti in parte falso, che ha accompagnato per anni la vita di palestra e di chi si dedica al fitness con costanza. Il tuorlo dell’uovo, tanto criticato non è invece così da demonizzare. Si perché è in grado di riempire e, quindi, di saziare e, di conseguenza, di ridurre la fame tra i pasti. Un vero aiuto dalla natura, che non viene sfruttato quasi mai.

Una affermazione di tale tipo, ormai sempre più confermata, trova comunque le sue critiche, ma è vero che senza esagerare, diventa meno stressante far trovare un equilibrio tra macronutrienti e micronutrienti. In poche parole, chi sceglie di assumere l’uovo soltanto in una sua parte, l’albume, rischia di eliminare questo felice mix.E’ altrettanto sicuro, tra l’altro, che a livello di micronutrienti, tutte le vitamine e i minerali di un uovo sono contenuti nel tuorlo o quasi.

Bisogna sapere che il bianco non contiene nessuna delle vitamine importanti come A, D,E o K e si trovano solo una parte delle vitamine B  necessarie per mente e umore nel tuorlo. E’ l’unione fra i vari elementi a creare la forza di un pasto del genere. Non è del tutto diverso il discorso per i minerali. Nel rosso dell’uovo, infatti, c’è venti volte il calcio presente nell’album e almeno il trenta di ferro. Da questo si capisce bene che, senza eccedere, non bisognerebbe toglierlo del tutto dalla propria dieta.

Se scegliete questa soluzione la mattina, inoltre, vi sentirete più sazi per l’intera giornata, anche perché si abbassano i livelli degli ormoni che stimolano l’appetito a fronte di un aumento di quelli che provocano la sazietà. Mangiarle con dei carboidrati complessi come una fetta di pane tostato aiuta a mantenere i giusti livelli di zucchero nel sangue e a stare meglio.

Photo Credit: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>