Tutte le calorie del pranzo e cena di Natale

di Piera Bellelli 1

Manca sempre meno a Natale e, tra i preparativi per decorare la casa e cercare i regali, non mancano quelli dedicati al cibo. Natale, infatti, come vuole la tradizione italiana, prevede un cenone ed un pranzo altrettanto ricco e composto da numerose portate che, in poco tempo, ci fanno ingerire tantissime calorie.  Il pranzo e la cena di Natale è davvero così dannoso per la linea? Come fare per non esagerare e godersi l’aria di festa? 

Sulla tavola natalizia vengono messe le solite portate ch si trasformano in calorie, grassi e porzioni fuori della norma.  Inoltre, nei giorni precedenti e quelli successivi che ci separano dall’inizio del nuovo anno, si esce spesso per aperitivi, feste, riunioni con gli amici durante le quali è facile accedere con cibo e alcool a scapito della linea.

Il pranzo ed il cenone di Natale sono talmente ricchi che da soli arrivano anche all’importo calorico che bisognerebbe introdurre in una sola giornata fatta di tre pasti e due piccoli spuntini. In pratica, non ci si alza da tavola senza aver ingerito almeno tra le 1500 e 2000 kcal. Un vero e propro eccesso, non solo dal punto di vista calorico, ma anche dei nutrienti sbilanciati in favore di grassi e zuccheri.

Un esempio? L’aperitivo conta circa 150 kcal per due piccole tartine condite con maionese (200 kcal per due cucchiai) ed altre salse; un primo piatto con pesce e crostacei si aggira intorno alle 500/600 kcal; una porzione di cotechino o zampone accompagnata dalle lenticchie non assicura solo buona fortuna, come vuole la tradizione, ma anche più di 730 kcal.  E poi si finisce il pasto con il panettone, circa 450 kcal a fetta,  qualche bicchiere di spumante, frutta secca e liquori.

Insomma, se è semplice arrivare ad assumere un elevato quantitativo calorico con poche portate, è possibile anche adottare alcuni consigli per contenere le calorie ed avere un Natale gustoso. Il pesce, mangiato sopratutto durante il cenone della vigilia, è più leggero: pesce fresco, molluschi, crostacei preparati con condimenti leggeri sono una portata ideale. Ovviamente, l’apporto nutrizionale e calorico cambia se fritti: meglio quindi iniziare con delle alici marinate, ad esempio, seguite da salmone e tonno affumicati come antipasto. I sott’oli possono essere sostituiti con i sott’aceti, poveri di grassi e calorie e le verdure poco condite. Ognuno, magari, potrà aggiungere sale e olio a piacimento.

Inoltre, quando si a un po’ di tempo, si potrebbe eseguire un workout breve di 15/30 minuti per stimolare il metabolismo e mantenersi in forma.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>