Riscaldamento, indispensabile per l’allenamento

di Redazione 1

Molto spesso il tempo dedicato alla palestra si riduce ad un attimo rubato tra gli impegni quotidiani e, quindi, si cerca di svolgere tutte le varie azioni quanto più rapidamente possibile. Molte volte, poi, per abitudine o poca conoscenza, si arriva in sala e si inizia subito con l’allenamento vero e proprio, dimenticandosi invece di tutti quelli esercizi previsti dal riscaldamento, detto anche warm-up, fase indispensabile per preparare il corpo all’attività fisica, rendere più agili i muscoli e prevenire infortuni e traumi.

Alcune volte capita invece che per velocizzare il riscaldamento si eseguono solo 10 minuti di corsa o camminata veloce sul tappeto o unabreve pedalata sulla cyclette, movimenti assolutamente insufficienti per garantire all’organismo una buona preparazione allo sforzo.  E’ importante sottolineare che questa fase preparatoria è indispensabile non solo in palestra, ma anche quando ci si allena tra le mura domestiche, si va a correre per le strade o si prende parte ad una partita a pallone. Basta davvero poco per migliorare le proprie perfomance e praticare attività fisica in sicurezza.

Il riscaldamento si divide in due categorie, una indirizzata principalmente ai grandi gruppi muscolari, come ad esempio la corsa per gli arti inferiori, ed una invece più specifica finalizzata ad agire sui muscoli specifici che saranno principalmente coinvolti nelle attività successive.  Un esempio pratico è quando in sala pesi, prima di eseguire le ripetizioni alla panca piana con i bilancieri, si riscaldano i muscoli con carichi più leggeri, eseguendo qualche ripetizione con i manubri. Il riscaldamento deve consentire di stimolare il sistema cardiovascolare, predisponendo il cuore allo sforzo, prevedere esercizi per sciogliere muscoli ed articolazioni, e concludersi anche con un pò di stretching, utile per migliorare l’elasticità.

In maniera più specifica, il riscaldamento, sopratutto quello mirato ai grandi gruppi muscolari, consente di incrementare la temperatura corporea, a frequenza cardiaca e il ritmo respiratorio e, inoltre, grazie alla maggiore secrezione del liquido sinoviale presente nella capsula delle articolazioni, si potrannò eseguire i movimenti con più scioltezza e prevenire il rischio di traumi.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>