Corsa all’indietro, tutti i benefici

di Daniela Ciabattini Commenta

Vi ricordate quando da bambini facevamo la cosiddetta “corsa del gambero”, ossia correvamo all’indietro? Bene, quello che appare come un gioco da bambini è in realtà un tipo di corsa che, seppur innaturale, apporta tanti benefici all’organismo. A sostenerlo è uno studio condotto da alcuni ricercatori dell’Università degli Studi di Milano che hanno mostrato i benefici della corsa all’indietro.

Nonostante correre in senso opposto sia inusuale e contro natura, questo tipo di esercizio fisico provoca un minore impatto sulle ginocchia e sulle articolazione e previene eventuali lesioni, oltre ad assicurare un maggiore dispendio d’energia: ben il 30% in più rispetto alla corsa tradizionale in avanti, insomma è ideale per bruciare più calorie e, quindi, per perdere peso.

I ricercatori autori dello studio hanno spiegato che nella corsa all’indietro si ha una maggiore forza nella spinta e meno nella frenata, con notevoli vantaggi sulle articolazioni; in questo tipo di corsa intervengono più fibre muscolari che però subiscono meno sforzi e quindi meno danni, pur assicurando un maggior consumo energetico.

In Italia esiste anche un’associazione che si occupa della promozione della corsa all’indietro, ossia l’Associazione Italiana Retrorunning, nata nel 2003 per volontà di alcune società podistiche, che si impegna per regolarizzare questa disciplina e portarla alle Olimpiadi.

In realtà la corsa all’indietro non è tanto rara: viene praticata anche in altri sport, come il calcio per la preparazione di arbitri e difensori, nel basket e nella pallavolo, perché permette di sviluppare una muscolatura che di solito non viene utilizzata in quella in avanti, migliorando così anche l’equilibrio e la visione periferica.

Il retrorunning può essere praticato da chiunque, basta fare un po’ di pratica per individuare la tecnica e per mantenere l’equilibrio, e per correre nella giusta direzione basta correre in pista oppure ricorrere all’aiuto di un amico che funga anche da navigatore. Questo tipo di corsa è potenzialmente utili per coloro che hanno problemi di equilibrio e ideale per coloro che amano correre ma hanno le ginocchia fragili.

 

[Fonte]

 

Photo Credit | Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>