Lipidi

di Gaetano 4

La nutrizione è la scienza che studia il rapporto tra la dieta e lo stato di salute di un soggetto. I principi nutritivi vengono classificati rispettivamente in macronutrienti e micronutrienti; i principali macronutrienti sono i protidi, i glicidi, l’acqua ed i lipidi. I lipidi sono contenuti prevalentemente nei cibi grassi (burro e olio), nella carne, nel pesce, nelle uova, nella frutta secca ecc. I grassi possono servire da riserva energetica e inoltre sono un importante fonte di energia. Sono fondamentali per l’assorbimento di alcune vitamine (le vitamine liposolubili A,D,E, e K) e indispensabili per il mantenimento delle membrane cellulari.  I lipidi più abbondanti nell’organismo umano sono i trigliceridi, il colesterolo ed i fosfolipidi.

I trigliceridi sono costituiti da tre molecole di acido grasso, legate ad una molecola di glicerolo. Gli acidi grassi si suddividono in acidi grassi saturi, acidi grassi monoinsaturi e acidi grassi polinsaturi. Un altra classificazione è quella tra i grassi di origine vegetale e quelli di origine animale. I grassi di origine animale di norma si presentano allo stato solido, a temperatura ambiente e sono costituiti principalmente da acidi grassi saturi. Quelli di origine vegetale, invece, sono sempre a temperatura ambiente ma la loro forma è liquida e sono costituiti prevalentemente da acidi grassi insaturi.I fosfolipidi sono formati da due molecole di acido grasso e una di acido fosforico legate ad una molecola di glicerolo, inoltre sono componenti fondamentali delle membrane cellulari.

Il colesterolo è un altro componente essenziale della membrana cellulare, è necessario alla biosintesi di vari composti a struttura steroidea ( estrogeni, progesterone, ormoni surrenalici, androgeni, acidi biliari) ed è il precursore della vitamina E.

Un grammo di grasso apporta circa nove Kcal, l’apporto calorico assunto con i lipidi, rispetto al totale giornaliero, dovrebbe essere di circa il trenta per cento nell’ infanzia e durante l’adolescenza per poi ridursi al venti-venticinque per cento nell’età adulta. E’ inoltre di fondamentale importanza mantenere un rapporto bilanciato fra l’assunzione di acidi grassi saturi, monoinsaturi e polinsaturi.

[ Fonte: “Alimentazione Fitness e Salute“]

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>