Guardare troppa tv fa male al cervello

di Sara Mostaccio Commenta

Guardare troppa tv non solo ci distrae da molte altre attività che potremmo fare, mettendo a frutto il nostro tempo libero, ma ci fa anche male al cervello. L’alternativa migliore? Fare sport naturalmente.

Diverse ricerche avevano già dimostrato che quando si guarda troppa televisione le nostre vite presentano una minore quantità di attività fisica, maggiori possibilità di soffrire di sovrappeso e di tutte le patologie associate, soprattutto cardiovascolari. Oggi scopriamo che anche il cervello si deteriora.

Lo studio ha coinvolto 3200 adulti con età compresa fra i 18 e i 30. I soggetti sono stati osservati nell’arco di ben 25 anni della loro vita rilevandone le abitudini quotidiane relative sia al consumo di televisione che all’attività fisica. Il criterio di base adottato considerava eccessivo dedicarsi per più di 3 ore al giorno alla tv. I risultati sono stati scoraggianti ma neanche così sorprendenti.

Chi passa più tempo davanti alla televisione ha un rendimento cognitivo notevolmente più basso di chi trascorre diversamente il suo tempo. Inoltre, chi guarda molta tv si espone al doppio del rischio di invecchiamento cerebrale precoce rispetto a chi ne guarda meno e fa sport. E questo a prescindere da altre abitudini nocive come fumo e consumo di alcol o da caratteristiche fisiche specifiche come peso, sesso, età o eventuale presenza di altre patologie. A far male, lo dicono chiaro gli scienziati, è proprio la tv. Anzi l’eccesso di tv.

Per prendersi cura della propria salute, dunque, non basta solo curare l’alimentazione e dedicarsi ad una sana attività sportiva, prevenire le malattie ed eliminare le cattive abitudini relative a fumo e alcol. Bisogna ridurre drasticamente anche il consumo televisivo o almeno restare sotto le 3 ore quotidiane.

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>