Ciaspole, un attrezzo antico per scoprire la montagna

di Piera Bellelli Commenta

Le ciaspole, nome che deriva dal ladino noneso, una lingua parlata in Val di Non, e dalla prima lunga passeggiata con questo attrezzo ai piedi, la ciaspolada, appunto, sono uno strumento antico, ma affascinante che permette di spostarsi sulla neve senza sprofondare, ma quasi galleggiando sulla superficie nevosa. Utilizzate per l’escursionismo, le ciaspole, o racchette da neve, costituiscono una modalità alternativa per le proprie gite in montagna.

Con le ciaspole ai piedi la sensazione di camminare sulla neve è davvero unica perchè sembrerà di galleggiare sulla neve. Inoltre, per affrontare i percorsi più impegnativi, si possono utilizzare dei bastoncini da neve, simili a quelle dello sci.  Le prime ciaspole erano realizzate in modo artigianale intrecciando legno e corda e fissando il piede con dei nastri, mentre oggi le racchette da neve moderne sono costruite con plastica, acciaio e materiali ad hoc per affrontare la neve.  Non si tratta di uno scarpone, ma di un attrezzo che va inserito sulle proprie scarpe e fissato con apposite chiusure.

Sulla neve profonda andrebbero utilizzate ciaspole molto grandi, come le prime “canadesi” che sfioravano addirittura il metro. Tuttavia, in commercio esistono modelli relativamente economici (il prezzo medio si aggira intorno ai 70-140 euro) che permettono di affrontare senza difficoltà anche la neve alta e fresca. Molti modelli, poi, per essere comodi anche in salita, sono dotati di alzatacchi e ramponi che migliorano la presa, ma anche di un sistema antiribaltamento. Le ciaspole non hanno un numero specifico, come per le scarpe, ma si adattano coprendo 3/4 misure.

Chi vuole cimentarsi con le ciaspole ha bisogno, oltre che di questo attrezzo, anche di abbigliamento adeguato che include scarponi da trekking in goretex o materiale impermeabile, ghette di plastica per evitare all’acqua ed alla neve di penetrare nella calzatura, giacca anti vento, pile e pantalone impermeabile ed imbottito. Da evitare jeans e pantaloni in stoffa che possono bagnarsi ed impedire i movimenti.

In molte località di montagna organizzano escursioni e corse con le ciaspole, ma la più importante è la ciaspolata dell’Epifania che si tiene ogni anno a Fondo, in provincia di Trento, al 1972.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>