Allenare i pettorali con il press svend, video

di Sara Mostaccio Commenta

Tonificare e rinforzare tutti i muscoli del torso è un lavoro che richiede maggiore impegno rispetto ad altre zone muscolari quali per esempio le gambe o le braccia, persino gli addominali: dopo aver visto come allenare i muscoli della schiena senza attrezzi, ecco un esercizio utile per allenare i pettorali.

Pariamo del press svend, un movimento che diversifica il solito lavoro sui pettorali rendendolo meno noioso e più profondo. Per l’esecuzione dell’esercizio, mostrato nel video che segue, vi serviranno solo due dischi.

Se vi allenate in palestra nulla di più semplice, per chi si allena a casa invece è possibile utilizzare altri oggetti disponibili e assimilabili che consentano di eseguire il movimento correttamente. Non esagerate con il peso che sollevate, incrementando man mano che proseguite con il lavoro.

I due dischi vanno uniti tra loro e sostenuti delle mani giunte all’altezza dello sterno. Le braccia devono essere ad angolo retto rispetto al corpo durante tutto il movimento, sia da piegate che da stese. La contrazione dei pettorali è costante, dunque isometrica, perché i muscoli sono attivi in tutte le fasi del movimento che consiste nell’allontanare e nell’avvicinare i dischi al petto.

Il corpo si trova in posizione eretta, con le ginocchia leggermente morbide. Le braccia non arrivano mai alla posizione distesa completa ma i gomiti rimangono sempre leggermente flessi quando le mani vanno in avanti. Il torso deve rimanere sempre in posizione centrale, senza ruotare sul bacino.

Con questo esercizio si alleneranno in profondità e con la masima efficacia i muscoli pettorali coinvolgendo nel contempo anche i muscoli delle braccia e delle spalle, inclusi trapezi, deltoidi e tricipiti.

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>