Come allenarsi con l’ellittica

di Redazione 1

L’ellittica è l’attrezzo più gettonato dell’ultimo periodo, quello che permette un allenamento davvero completo tra le mura domestiche, rispettando i ritmi e le esigenze dell’atleta. Si tratta di un attrezzo pensato apposta per allenare contemporaneamente la parte alta e la parte del bassa del corpo, con esercizi semplici da effettuare e ritmi regolabili a seconda della preparazione atletica del soggetto.

Ma come ci si allena con l’ellittica? La prima cosa da fare prima di salire sull’ellittica è quella di riscaldare i muscoli in modo adeguato, così da evitare strappi o contratture che richiederebbero poi lunghi periodi di recupero. Regoliamo poi – laddove possibile – l’ampiezza della pedalata in base alla nostra altezza.

Una volta iniziato l’esercizio, dobbiamo tener conto del nostro allenamento fisico e non tentare di sostenere ritmi forsennati sin dalle prime battute. E’ di fondamentale importanza l’allenamento graduale, proprio per abituare il fisico a movimento contemporaneo di braccia e gambe. Attenzione anche ai tempi, perché superare i trenta minuti surante le prime sessioni di allenamento significa sottoporre il nostro fisico a rischi inutili. Solo successivamente e con un buon allenamento su braccia e gambe possiamo aumentare la frequenza ed i tempi di esecuzione.

Ricordiamo che l’ellittica permette sia la pedalata classica (in avanti) che quella all’indietro. Ebbene, quando eseguiamo la pedalata al contrario, ricordiamo che le articolazioni delle gambe (in particolare le ginocchia) vengono sottoposte ad uno sforzo superiore al normale e possono andare incontro a dei fastidi.

Attenzione quindi a non esagerare con questo tipo di esercizio, specie nelle prime sedute di allenamento, quando le gambe non sono ancora abituate a questo tipo di movimento. Ricordiamo infine l’importanza della respirazione per tutta la durata dell’esercizio, con inspirazioni ed espirazioni che seguono il movimento delle braccia e delle gambe in modo fluido.

Insomma, allenarsi con l’ellittica non è poi così difficile, ma occorre tenere in considerazione diversi fattori per ottenere il meglio dal nostro attrezzo.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>