Come usare le braccia durante la corsa

di Sara Mostaccio Commenta

La corsa è uno degli sport alla portata di tutti ma richiede anch’esso una tecnica accurata per massimizzare i risultati, ridurre lo sforzo e migliorare la prestazione. Erroneamente si crede che nella corsa si lavora esclusivamente con le gambe. Il corpo è coinvolto interamente, oggi scopriamo quanto sia importante usare correttamente le braccia durante la corsa.

Il movimento delle braccia infatti è parte integrante della tecnica di corsa ed è giusto prestargli l’attenzione che merita. Le braccia determinano il ritmo della corsa, aiutano a mantenere l’equilibrio, regolano la postura. Non proprio fattori secondari, tutt’altro.

Per questi motivi è importante evitare una serie di errori che ci privano dell’aiuto essenziale delle braccia durante la corsa. Il principale errore da non commettere è quello di tenere le braccia troppo piegate, troppo vicine al corpo ed eccessivamente rilassate. Si chiamano scherzosamente braccia da T-Rex.

Questa posizione provoca una tensione eccessiva nella zona alta delle spalle e ci obbliga ad assumere una postura ricurva in avanti, con le spalle inclinate. A lungo andare questa posizione provoca mal di collo e dolori lombari oltre a procurare una inutile fatica perché per mantenere la postura durante il movimento finiamo per respirare peggio.

Le braccia devono dunque muoversi in maniera naturale insieme alle gambe, marcando il ritmo della falcata. Per trovare la posizione più naturale cominciate camminando e osservate il movimento delle braccia che diventa quasi automatico. È lo stesso che manterrete, mutando solo il ritmo, anche in corsa.

Flettete i gomiti a 90 gradi e manteneteli vicini al corpo ma non attaccati ad esso, devono continuare a muoversi liberamente. Il movimento si sviluppa sempre in avanti e le braccia non tendono mai ad incrociarsi davanti al tronco.

La muscolatura delle braccia deve essere attiva ma senza tensioni. Rilassate le spalle, mantenete le scapole basse e non incassate il collo. All’inizio prestate particolare attenzione a tutti questi aspetti, finché non diventeranno abitudini automatiche.

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>