Sterilità maschile, ventenni infecondi

di Paoletta Commenta

I ventenni maschi sono sterili: è allarme. Perché è importante curare in maniera equilibrata alimentazione e attività fisica credo lo si possa evincere in ciascuno degli articoli pubblicati su ilfitness.com.

Migliaia di motivazioni a cui, purtroppo, tocca ora aggiungerne un’altra, spiacevole perché fotografa una realtà amara in prospettiva. I risultati di tre ricerche condotte dalla Società Italiana di andrologia e medicina della sessualità (Siams) portano i medici a lanciare l’allarme: gli uomini stanno diventando sterili, gli spermatozoi sono infecondi e i giovani hanno minore capacità riproduttiva dei propri genitori.

Argomento delicato, lo riconosco e, pur essendo donna – e forse proprio per questo colgo con trasporto la questione – dopo aver letto la notizia sono rimasta parecchio turbata.

E mi auguro di cuore si possa con altrettanta prontezza individuare soluzioni che arginino il problema. Che, beninteso, è un problemone.

Il 33,4% dei ragazzi sottoposti all’indagine Siams (età media 20 anni!) è ipofertile, l’11,7% è gravemente ipofertile: ciò significa che rischia di non poter avere figli. Più di una le cause dell’infertilità: gas di scarico, inquinamento e pesticidi in primo luogo, con osservazione conseguente che chi vive in metropoli ha il 30% in meno di potenziale fertilità. Rispetto ai quarantenni, i ventenni di oggi hanno una diminuzione del 25% della conta degli spermatozoi. Le conclusioni cui giunge Carlo Foresta, presidente della Siams, sono le seguenti:

“Occorre considerare l’esposizione ambientale a pesticidi, inquinanti ambientali che agiscono come distruttori endocrini, spiazzando le fini regolazioni ormonali che modulano lo sviluppo dell’apparato riproduttivo, durante le prime fasi dell’embriogenesi. Non solo: una influenza negativa sulla fertilità maschile è data anche da obesità, sedentarietà, consumo di alcol, fumo e droghe. Ma anche infezioni e patologie che colpiscono l’apparato riproduttivo maschile. I giovani, vale la pena ricordarlo, sono completamente inconsapevoli del rischio di infertilità: non conoscono i fattori del rischio e non sono abituati controlli andrologici di prevenzione”.

Ed è proprio questo il motivo per cui mi preme scrivere queste poche righe: occorre intervenire dal punto di vista culturale ed educare ciascuno a comportamenti necessari per garantirsi benessere e salute. In una società maschilista come questa, il retaggio è ancora evidente in più di un’azione quotidiana: vent’anni fa si era soliti pensare che alla base di una famiglia senza figli ci fosse l’infertilità (spesso femminile) ma nessuno prendeva la briga di effettuare controlli e visite.

A vent’anni di distanza, e nel bel mezzo di un processo educativo che sta evolvendo, interessa solo sostenere che prendere l’abitudine di aver cura di se stessi è doveroso. Perché un conto è parlare di due chili in eccesso da smaltire, un altro è prendere atto di problematiche assai più complesse che rischiano di sfociare in una situazione che non può essere curata se colpevolmente trascurata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>