Sport in sicurezza: i consigli per tenersi in forma senza correre rischi

di Valentina Cervelli Commenta

L’esercizio fisico è fondamentale per restare in forma ma soprattutto in salute, considerati tutti i benefici che il movimento ha sul nostro corpo e sulla nostra mente. Per evitare di correre rischi di qualunque tipo, però, è bene seguire alcuni semplici ma importanti consigli che vi daremo oggi. Vediamo insieme quali sono nello specifico.

L’importanza della prevenzione

La visita medica preventiva è il primo step indispensabile per fare sport in totale sicurezza: durante la visita, infatti, il medico di base verificherà l’esistenza di fattori di rischio (come problemi circolatori, respiratori, ecc.) e potrà quindi dare suggerimenti utili al paziente riguardo allo sport o alle attività migliori da praticare e a quelli che invece sarò meglio evitare, in base al proprio stato di salute generale e alle problematiche individuali. Proprio per questi motivi la visita medica dovrà essere ripetuta ogni anno e anche più spesso, in caso si soffra di disturbi particolari.

Sempre a proposito di sicurezza e prevenzione, è bene informarsi anche sulle assicurazioni sportive, cercando di capire innanzitutto che cosa si intende per polizza di assicurazione e poi approfondendo l’argomento in relazione all’attività che si ha intenzione di svolgere regolarmente, così da essere coperti in ogni evenienza futura.

Attenzione all’attrezzatura sportiva e al tipo di allenamento

Che si faccia attività fisica autonomamente o in palestra, è necessario utilizzare sempre delle attrezzature idonee, dunque progettate esclusivamente per l’attività sportiva. Dai manubri alla cyclette, quindi, bisognerà verificare che tutto sia certificato e idoneo. Bisogna poi fare particolare attenzione anche all’abbigliamento, soprattutto per quanto riguarda le scarpe, che dovranno ammortizzare gli urti in modo da non sovraccaricare o arrecare danno alle articolazioni e ai muscoli.

Un punto spesso sottovalutato da chi è alle prime armi, poi, è l’importanza della gradualità dell’allenamento da seguire. Chi non fa sport da molti anni, ad esempio, non potrà avere lo stesso schema di allenamento di chi si allena regolarmente e dovrà quindi procedere con cautela per quanto riguarda pesi e sforzi consistenti, evitando di forzare la mano e andare oltre i propri limiti; in questi casi, inoltre, è bene essere seguiti da un personal trainer che indichi eventuali correzioni o esercizi alternativi.

Infine, è consigliabile non sottovalutare mai l’importanza del riscaldamento prima dell’attività fisica (bastano 10-15 minuti di camminata veloce sul tapis roulant o di cyclette a intensità moderata) e dello stretching alla fine di ogni sessione di allenamento (che permette di prevenire problemi a muscoli e tendini).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>