Bicicletta da donna, come scegliere il modello giusto

di Daniela Ciabattini Commenta

Andare in bicicletta è uno degli sport più salutari, perché permette di tonificare i muscoli con in più tutti i benefici dell’allenarsi all’aria aperta, ma attenzione: una bici non vale l’altra, ci sono delle differenze soprattutto “di genere”, ossia se il ciclista è un uomo o una donna. I negozi specializzati propongono diverse biciclette: da corsa, da città, con o senza marce; per chi ne sa poco la scelta cade sui modelli esteticamente più belli o su quelli più “accessoriati”, senza tener conto delle reali esigenze.

E’ vero che esistono anche le biciclette unisex, adatte sia agli uomini che alle donne, ma non è detto che siano comode per tutti, pertanto le donne dovrebbero scegliere dei modelli adatti a loro: scopriamone le caratteristiche.

Innanzi tutto, per le donne, il sellino deve essere mediamente morbido, in modo da risultare comodo e non creare dolori durante la pedalata; l’altezza giusta del sellino è quella che permette di piegare lievemente il ginocchio quando i pedali sono in basso, in quanto il contrario costringerebbe le ginocchia a un carico maggiore.

Fondamentale è anche la larghezza del manubrio: la distanza tra le mani non deve essere troppo ampia e va calcolata sulla larghezza delle spalle. Da tener conto, invece, della lunghezza delle braccia e dell’altezza della persona è la distanza tra il sedile e il manubrio: l’ideale sarebbe impugnare il manubrio senza doversi piegare eccessivamente. Molte biciclette hanno il manubrio regolabile in altezza e anche rispetto alla distanza dal sellino: scegliere una bici con questa caratteristica è senz’altro utile.

Importante è anche la maneggevolezza dei freni e delle marce: le mani delle donne sono più piccole rispetto a quelle dell’uomo, e per questo hanno bisogno di comandi fruibili senza fatica. Non dimenticate di controllare che la bicicletta abbia in dotazione il campanello, i catarifrangenti alle ruote, ai pedali e sul retro, la luce anteriore bianca o gialla, e quella rossa posteriore. Infine, non dimenticate di acquistare anche un casco: non è obbligatorio per legge ma è una protezione importantissima.

 

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>