La quinoa nella dieta dello sportivo

di Sara Mostaccio Commenta

La quinoa è un alleato prezioso per la dieta dello sportivo perché offre molti vantaggi e un profilo nutrizionale di alta qualità a fronte di poche calorie e un indice gliemico molto basso. Di conseguenza è una scelta ideale per chi segue un regime alimentare con pochi grassi, senza eccessi calorici e una costante attenzione al tipo di nutrienti essenziali.

In primo luogo la quinoa offre un ottimo apporto proteico che si calcola in circa il 23% della sua composizione totale. Si tratta tra l’altro di proteine dall’alto valore biologico. Per questo motivo gli sportivi ne trarranno massimo giovamento. Integrare la quinoa nell’alimentazione degli sportivi garantirà la perfetta salute dei muscoli e ci permetterà di diminuire le proteine di origine animale che assumiamo più spesso rispetto alle proteine vegetali.

Un altro importante vantaggio sta nell’alto contenuto di fibre che aiutano a mantenere in forma l’apparato digerente e ad eliminare le tossine dall’organismo. Un ottimo transito intestinale e un equilibrio corretto sono alla base del benessere, vale per tutti ma più che mai per gli sportivi. Aggiungiamo un basso indice glicemico e otteniamo l’alimento perfetto per chi vuole nutrirsi senza rinunciare all’energia necessaria per lo sport, mantenendo però la forma fisica senza esagerare con le calorie.

Grazie a questo profilo nutrizionale, la quinoa è ottima anche per chi soffre di diabete. Inoltre, essendo priva di glutine, è particolarmente indicata come scelta per chi soffre di celiachia o è intollerante o sensibile al contenuto di glutine degli alimenti più diffusi a base di cereali. Sarebbe già tanto ma c’è ancora di più perché la quinoa è ricca anche di acidi grassi essenziali che aiutano a mantenere sotto controllo i livelli del colesterolo.

Photo | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>