Pole Dance, intervista ad Alessandra Marchetti

di Redazione Commenta

Alessandra Marchetti è un’atleta che vanta un curriculum sportivo e artistico di grande rispetto: ha praticato danza classica, ginnastica aerobica e, soprattutto, è una pole dancer di livello mondiale; campionessa italiana all’Italian Pole Championship 2011, finalista e quinta classificata ai World Pole Sport Fitness 2011 a Budapest, medaglia di bronzo e premio Best Acrobatic agli European Pole Championship Mosca 2011 e, da sabato scorso anche Campionessa Europea avendo conquistato il primo posto al Campionato Europeo di Pole Sport che si è svolto a Roma.

Nonostante Alessandra pratichi la Pole da circa due anni, la sua grinta e determinazione, oltre all’innegabile talento e alla preparazione atletica, l’hanno portata ai vertici mondiali della Pole Dance, l’affascinante disciplina coreografia a metà tra danza e ginnastica praticata con l’ausilio di una pertica verticale.

All’indomani della vittoria di Alessandra Marchetti al Campionato Europeo, noi de ilfitness le abbiamo posto qualche domanda.

Come si è avvicinata alla Pole Dance?

Mi sono avvicinata alla Pole Dance per puro caso, perché nella palestra dove lavoro, sono un’insegnante di fitness, ha aperto la scuola Polexgym di Titty Tamantini, e con lei ho iniziato questa fantastica avventura che spero possa continuare ancora il più a lungo possibile!

Può spiegarci meglio in cosa consiste la Pole Dance?

La pole dance fa parte delle discipline aeree, ovvero quelle discipline acrobatiche che vengono praticate in sospensione. Ma questo non deve spaventare i neofiti: il programma Polexgym, studiato e ideato da Titty Tamantini, è un metodo di insegnamento che permette di far avvicinare chiunque a questa disciplina, garantendo un allenamento funzionale, divertente e soprattutto sicuro. Grazie a questo metodo si imparano dapprima le basi dell’approccio alla pertica, per poi gradualmente acquisire la forza e la flessibilità necessarie per affrontare anche le figure più avanzate, ma il divertimento è garantito per tutti!

Perché consiglia di avvicinarsi a questo sport?

Avvicinarsi alla Pole Dance significa usare il proprio corpo in modo nuovo, diverso, sfruttandone potenzialità che non si credeva di possedere; significa lavorare a carico naturale, senza carichi aggiuntivi, modellando il corpo in modo sano e naturale; significa lavoro di gruppo e collaborazione, allenamento, divertimento, autostima: insomma una lunga serie di benefici!

Come vede il futuro della Pole Dance?

Parlare di cosa riserva il futuro alla Pole Dance è davvero difficile: probabilmente resterà divisa in due settori, quello agonistico/competitivo, dove prevale la componente sportiva, con regolamenti simili a quelli ginnici e competizioni di livello tecnico sempre più elevato, e il settore artistico/spettacolo, legato invece ad esibizioni, show e danza, dove a prevalere è la componente coreografica, estetica e quindi artistica della performance. Quindi possiamo concludere dicendo che nella Pole Dance c’è spazio per tutti, basta solo venire a provarla una volta, per non volerla lasciare più!

 

Photo Credit: Robyjo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>