Le nuove scarpe da corsa Reebok ZPump Fusion 2.0

di Sara Mostaccio Commenta

Reebok lancia le scarpe Reebok ZPump Fusion 2.0 che rivisitano il modello ZPump del 2015 con una tecnologia innovativa e rivoluzionaria pensata per la corsa. Il piede risulta avvolto da una vera e propria gabbia pneumatica che si adatta al runner e offre quindi una calzata personalizzata.

La scarpa da corsa ZPump Fusion 2.0 è stata aggiornata con il cosiddetto PowerFrame. Si tratta di una membrana leggerissima e senza cuciture che si sposa alla già esistente tecnologia Pump e consente di avere una calzatura stabile e personalizzabile.

“In Reebok ci dedichiamo con passione al perfezionamento delle tecnologie, stagione dopo stagione. Approfondite ricerche sul precedente modello ZPump hanno portato alla creazione, per il 2016, di una nuova camera d’aria e dell’innovativa membrana PowerFrame che risponde alle esigenze della running community.”

Con queste parole Scott Daley, General Manager Running Reebok, racconta la nuova proposta ideata per incontrare le esigenze dei runner che alla propria scarpa chiedono sicurezza, affidabilità e un alto grado di personalizzazione mai raggiunto prima.

La gabbia pneumatica si gonfia e avvolge il piede adattandosi alla calzata di chi indossa la scarpa. La membrana ne garantisce la perfetta aderenza al piede, rendendo la scarpa più stabile che mai. L’intersuola è realizzata con una mescola in carbonio che rende la scarpa leggerissima e reattiva.

Ma come funziona questa speciale gabbia pneumatica? Si preme un pulsante in modo che l’aria entri attraverso l’apposita valvola, gonfiando il vano dedicato all’ammortizzazione del piede. Il pulsante può essere premuto più volte fino a trovare il proprio custom fit ideale. Per rilasciare l’aria basta utilizzare la valvola di rilascio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>