Ginnastica nudi: ecco perchè fa bene

di AnnaMaria Commenta

Nelle palestre più trendy di New York e in Gran Bretagna spopola una nuova moda. Si tratta della ginnastica nudi, un particolare tipo di corsi di fitness, in particolare yoga, che si eseguono senza nessun indumento addosso. I primi a lanciare questa moda sono stati alcuni centri di yoga molto blasonati a New York ma la tendenza è traslocata velocemente anche in Gran Bretagna dove l’istruttrice Helen Smith, naturista, ha inaugurato dei corsi di ginnastica in cui i partecipanti sono come mamma li ha fatti.

L’idea di fondo di questo tipo di allenamento nudi è quella di liberarsi di di tutte le tensioni psicofisiche e in questo modo ritrovare se stessi e il benessere. Nessuna allusione sessuale ma piuttosto una disciplina che vuole rompere blocchi e taboo e che è diventata amatissima anche da vip come Nicholas Cage e Halle Berry.

> ALLENARSI A PIEDI NUDI, COME E PERCHE’

I benefici della ginnastica nudi sarebbero molti. Innanzitutto senza indumenti il corpo è più libero di muoversi ed esercizi come squat o plank si possono svolgere in modo più preciso. Poi, c’è anche il vantaggio che l’istruttore nudo può mostrare al meglio le posizioni e gli allievi possono eseguire a specchio le posizioni senza rischio di sbagliare, e quindi gli allenamenti sarebbero più proficui.

> CAMMINARE SCALZI, UN ALLENAMENTO NATURALE

E se vi sentite in imbarazzo? Per i più timidi questo tipo di ginnastica si può eseguire anche in biancheria intima anche se, il vantaggio di fare gli esercizi nudi sta anche nell’accettare e celebrare la bellezza del proprio corpo ritrovando l’autostima e l’amor proprio. Le lezioni sono divertenti e mai sconvenienti e danno la possibilità di innescare un diverso rapporto con l’attività fisica e con gli altri. Unico problema: i partecipanti sono tenuti a pre-registrarsi via e-mail per questioni di sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>