La Zumba protegge il cuore

di Francesca Spano Commenta

Lo sport ci mantiene in salute: assolutamente vero se si calcola che ogni disciplina ha comunque tutta una serie di benefici. La Zumba ad esempio sembra che protegga il cuore. Si calcola che ogni anno siano circa 100mila le persone in Italia colpite da infarto miocardico e altrettante accusano svariati problemi a questo organo vitale. 30mila poi sono costrette a subire una operazione alle valvole cardiache.

Tantissime dunque le persone che potrebbero sentirsi meglio e non solo a livello psicologico, iscrivendosi ad un corso di fitness aerobico. Gli ultimi studi infatti garantiscono ottimi risultati per chi, oltre alla sana alimentazione si avvicina alla palestra per seguire questo regime sportivo.

La Zumba, è una vera e propria ginnastica con musica ritmata di sottofondo che ormai ha conquistato 15 milioni di persone al mondo. L’umore di chi la pratica migliora e, nel frattempo, punta anche al sistema cardiocircolatorio e in questi giorni pure al festival Rimini Wellness se ne parlerà. Si potrà inoltre provarlo e scegliere magari di iscriversi quando le luci sulla manifestazione si saranno spente.

La danza sudamericana appassiona tutto il mondo, si calcola che ormai lo pratichino almeno 15 milioni di persone in ogni dove. Oltre alla palestra comunque bisogna evitare fumo, cattivi stili di vita e fare attenzione a problemi come diabete, sedentarietà ed elevati valori di colesterolo. Si tratta di disturbi che possono essere reversibili se presi in tempo e se si è pronti a modificare delle abitudini quotidiane che non vanno bene e mettono a dura prova l’organismo. Con la Zumba, inoltre, si possono migliorare persino malattie come la depressione anche perché durante le lezioni è facile socializzare e piano piano uscire dal tunnel della tristezza. Del resto, le tante iscrizioni negli ultimi mesi lo confermano: gli italiani anche senza conoscere tutti i benefici della Zumba la adorano.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>