Lo yoga e i benefici sul cervello

di Francesca Spano Commenta

Lo yoga avrebbe diretti benefici sul cervello, sin da giovani. Il motivo è presto spiegato: aiuterebbe alla crescita dei neuroni, almeno secondo quanto evidenzia un nuovo studio in materia. Della ricerca si sono occupati gli scienziati del Centro Nazionale Statunitense per la Medicina Alternativa e Complementare e i risultati non hanno lasciato spazio a dubbi.

La location dove gli scienziati si sono messi all’opera è a Bethesda, in Maryland e a capo delle osservazioni c’era Chantal Villemure con Catherine Bushnell. Sembra che praticando tale disciplina in modo costante, addirittura, i neuroni possano aumentare e questo si evidenzia dal moltiplicarsi della materia grigia in alcune aree chiave del nostro organo più particolare. Le ricercatrici hanno lavorato a lungo per non avere dubbi. Hanno iniziato comunque confrontando il cervello di coloro che praticano regolarmente yoga con chi non lo fa mai o vi si accosta solo periodicamente.

Lo strumento che le ha aiutate è stata la risonanza magnetica tomografica e secondo quanto verificato, nel primo caso il cervello presentava una massa maggiore di materia grigia, con conseguenti neuroni in più. Questo riguardava nello specifico zone importanti come la corteccia somatosensoriale che contiene la mappa mentale del nostro corpo e quella parietale superiore. In quest’ultimo caso parliamo della parte dove aumenta la soglia di attenzione e di concentrazione.Non è finita qua: diverse e migliori sarebbero poi le condizioni della corteccia visiva, dell’ippocampo e della corteccia cingolata. Sì, d’accordo sono parti del cervello che non sempre sentiamo nominare, ma riguardano aree-chiave per la nostra esistenza. La corteccia cingolata, ad esempio, si riferisce alla parte del cervello che elabora a livello inconscio pericoli e problemi.

 Photo Credit: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>