Doping e sport

di Redazione 4

Spread the love

Sport e doping sono due argomenti che – purtroppo – vanno a braccetto, specie nel mondo attuale, dove il risultato finale conta più di ogni altra cosa, persino più della salute dell’individuo.

Tanto per fare chiarezza sull’argomento, ricordiamo che con termine doping si intende l’uso di sostanze chimiche, volte ad modificare le prestazioni fisiche ed atletiche del soggetto in modo assolutamente non naturale. Ricorrere a sostanze dopanti, significa quindi alterare il risultato finale, mettendosi in una condizione di grosso vantaggio rispetto agli avversari, che invece devono contare solo sulle proprie forze.

Colui che si dopa quindi è da considerarsi una persona furba? Sportivamente si (per quanto sia difficile chiamare sportivo chi fa ricorso all’artificio, pur di ottenere un risultato), ma dal punto di vista personale non si può certo dire che il doping sia un atto di scaltrezza. Perché?

Il doping è comunque una sostanza chimica che, oltre a modificare le prestazioni sportive, va ad intaccare pesantemente il fisico, portando dei danni irreversibili o – nei casi più gravi – procurando la morte dell’atleta. Oltre ad essere eticamente non corretto, dunque, il doping ha un’alta pericolosità per il soggetto, che spesso è portato a sottovalutare il rischio, puntando solo al risultato sportivo.

Ci sono poi degli atleti che neppure sono a conoscenza delle sostanze assunte, convinti magari da allenatori senza scrupoli, che riconducono il tutto a semplice integratore. Gli atleti professionisti sono generalmente portati a stare lontano dalle sostanze dopanti, per via dei continui controlli ai quali vengono sottoposti. Eppure, di tanto in tanto, si sente parlare di lunghe squalifiche comminate a questo o a quell’altro atleta per uso di sostanze non consentite.

A livello non agonistico il controllo è molto più difficile e non è raro trovare atleti “gonfiati” da sostanze pericolose, che aumenteranno pure la massa muscolare, ma mettono a rischio la salute dell’individuo. Ne vale veramente la pena?

Commenti (4)

  1. La cosa più preoccupanto del Doping è l’ allarme under 12 da parte del Laboratorio antidoping della Federazione medico sportiva italiana e quindi della responsabilità anche da parte dei genitori che pur di far vincere i figli sono disponibili anche a sacrificare la loro salute!
    http://sportagel.blogspot.com/2011/06/sport-doping-allarme-under-12.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>