Come diventare arbitro di calcio

di Gioia Bò Commenta

Molti bambini sognano di diventare calciatori, professione redditizia e di grande visibilità agli occhi del mondo. Purtroppo non tutti hanno i piedi buoni, come si suol dire, o la fortuna di entrare nel giro giusto per sfondare nel mondo del calcio, e molte delle ambizioni dei piccoli calciatori in erba vengono mortificate.

C’è però un altro modo per restare nello scintillante mondo del pallone pur senza calciare una palla. Come? Diventando un arbitro di calcio, colui che ha il potere assoluto sulla partita, colui che viene chiamato a prendere decisioni importanti in una frazione di secondo, basandosi solo sulle proprie capacità di visione generale.

Un mestiere non certo facile e spesso poco amato dal tifoso medio, ma volete mettere la possibilità di gustarsi la partita “da vicino”, partecipando insieme ai protagonisti? Vero è che non si nasce arbitri e difficilmente si ha la vocazione per questo difficile mestiere sin da bambini, ma si può imparare la professione e – con un pizzico di fortuna e tanta determinazione – si può arrivare in alto. Come?

Non occorre essere in possesso di chissà quali requisiti per diventare un arbitro. Basta aver compiuto il sedicesimo anno di età ed essere in buona salute per poter frequentare uno dei tanti corsi che vengono tenuti ogni anno nelle più grandi città italiane (di associazioni che organizzano corsi ce ne sono a decine sul territorio).

I corsi sono completamente gratuiti e si basano su lezioni teoriche e pratiche. Alla fine del corso si è chiamati a sostenere un esame, per poi essere gettati nella mischia sui campi dei campionati minori. Ovviamente non si può pretendere di arrivare subito in alto, né tantomeno si può ambire ad uno stipendio soddisfacente sin dalle prime partite arbitrate. Solitamente gli arbitri che cominciano a dirigere nelle categorie inferiori ottengono un rimborso spese e poco più.

La trafila per arrivare in alto non è semplice e richiede tempo, fatica, determinazione e quel pizzico di buona sorte che fa sempre comodo nella vita. Ma se siete veramente determinati, potete tentare la via di una delle professioni più belle del mondo, checché ne dica il tifoso medio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>