Benessere totale con lo Yoga della risata

di Francesca Spano Commenta

Lo Yoga della Risata, che cos’è? E’ una forma di esercizio fisico, anzi più mentale, che regala immediato benessere. Del resto è provato che ridere fa bene alla salute. Ha anche un nome specifico che è Hasyayoga e consiste nella risata autoindotta. Non è certo una novità, ma adesso è sempre più richiesto. Ad inventarlo un medico indiano, il dottor Madan Kataria. E’ praticato sin dalla sua nascita, nel 1995 e proprio in quell’anno è stato creato un gruppo di praticanti in un parco pubblico.

In Italia si sta diffondendo solo adesso e ancora in pochi conoscono il cosiddetto yoga della risata. A farlo arrivare da noi, l’Associazione Nazionale Yoga della Risata, con la guida di Laura Toffolo. In tutto il globo, in totale, se ne contano circa 6mila gruppi e nei prossimi anni, si calcola che sempre più persone vi si accosteranno. Del resto ridere è parte integrante parte della nostra natura. Nello specifico, vengono creati dei gruppi che favoriscono il contatto visivo tra i partecipanti e piano piano si crea una atmosfera giocosa che porta alla risata.

Sembra che il corpo non distingua una risata vera da quella finta a livello di benessere, per cui anche una indotta ha i suoi benefici. Con l’esercizio, ovviamente, è più facile imparare a ridere. L’insegnante consiglierà cosa fare per stimolarla e non mancano anche elementi legati al teatro e le visualizzazioni. Gli esercizi di respirazione, preparano corpo e polmoni all’esercizio. Quest’ultimo è molto legato a Pranayama con le energie che influiscono sull’organismo e le emozioni attraverso il respiro e si può combattere così pure l’ansia e le malattie. Il rilassamento è immediato e le persone nervose e cariche di stress, possono sicuramente accostarsi con tranquillità allo yoga della risata. Ecco perché è certo che in poco tempo si diffonderà sempre di più.

Photo Credit: Thinkstock

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>