La ginnastica per le donne in gravidanza

di Redazione 1

Fare ginnastica in gravidanza non è solo possibile ma addirittura consigliabile a meno che, naturalmente, non vi siano controindicazioni legate a una gestazione a rischio. Mantenersi attive e frequentare corsi ad hoc in palestra durante la dolce attesa comporta infatti molti benefici: aiuta la futura madre a mantenere sotto controllo il peso, migliora l’efficienza del sistema respiratorio e del sistema cardiocircolatorio con conseguente aumento dell’ossigeno disponibile per il feto da un lato e diminuzione dei gonfiori degli arti dall’altro, tonifica la muscolatura e previene prolassi uterini e incontinenza urinaria post parto. Per non parlare poi dei benefici a livello pischico, in termini di rilassatezza e buon umore. Ma quali sono le discipline che è possibile praticare in gravidanza? Vediamole dopo il salto.

Durante la gravidanza è senz’altro indicato il nuoto e, con le dovute precauzioni, l’acquagym. Tutti gli esercizi che sollecitano dolcemente braccia, gambe e tronco sono permessi. Lo stesso può dirsi del pilates (sarà l’istruttore ad indicare alla gestante quali esercizi può eseguire e quali no) che ha anche il pregio di prevenire il fastidioso mal di schiena che molto spesso, specie durante le ultime fasi della gravidanza, disturba le future madri.

Particolarmente adatto anche lo yoga, sebbene, chiaramente, questo non possa definirsi una vera e propria forma di ginnastica. In molte città d’Italia vengono organizzati corsi di yoga gestazionale con esercizi mirati ad acquisire maggiore consapevolezza dei cambiamenti che interessano il corpo durante la gravidanza e all’attenuazione dei piccoli disturbi che interessano la donna in questa delicata fase della vita.

Yoga e pilates poi  sono accomunati dalla grande attenzione posta alla corretta respirazione, training che risulterà molto utile al momento del parto. Entrambi hanno un formidabile potere rilassante e stimolano la liberazione di endorfine. Il bimbo non potrà non accorgersi che la mamma è tanto serena.

Photo credit | Think Stock

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>