Olimpiadi: L’Italia vittoriosa, porta a casa oro, argento e bronzo

Canottaggio
Le vittorie italiane femminili alle Olimpiadi

L’Italia conquista l’Olimpo: Valentina Rondini e Federica Cesarini, si sono classificate prime nella sezione femminile di canottaggio doppio pesi leggeri. E’ la prima volta nella storia delle Olimpiadi, che il canottaggio femminile ha raggiunge questo risultato. Le azzurre hanno raggiunto questo risultato con un colpo di coda finale: le cinque barche, sono rimaste distanziate per pochissimi secondi per tutto il tempo della gara. L’Italia, seguiva la Gran Bretagna, che a sua volta seguiva l’Olanda. Le arancioni hanno tenuto testa quasi fino alla fine, ma negli ultimi secondi, l’intensità della loro performance, è calata ed è in quel momento che invece le azzurre hanno avanzato. La prima punta del traguardo è italiana.

 

Il canottaggio femminile conquista l’oro: le due azzurre hanno festeggiato la loro splendida vittoria, a seguito di una gara soffertissima, anche se ricchissima di emozioni. Bronzo per il canottaggio maschile: traguardo importante raggiunto da Stefano Oppo e Pietro Ruta, che hanno conquistato tre argenti mondiali, ma che per la prima volta conquistano un bronzo ai Giochi Olimpici.

L’Italia a Tokyo 2020, conquista diverse altre medaglie: bronzo nel fioretto femminile per Martina Batini, Alice Volpi e Arianna Errigo, che hanno tenuto testa alle statunitensi per tutta la gara.

Il nuoto Italiano conquista la semifinale: un trionfo azzurro con ottimi risultati nella finale mista di uomini e donne, una novità per le Olimpiadi di quest’anno. Cosi, gli azzurri e le azzurre, nei vari stili di dorso, rana, farfalla e stile libero, si fanno onore. Tra questi la Divina Federica Pellegrini, che si è classificata settima e che con questa posizione, chiude la sua carriera ai Giochi Olimpici.

 

Libera ora da ogni riservatezza, si dichiara felice e racconta della sua storia con il suo allenatore, Marco Giunta. La Divina nuotatrice, iconica per la nazione italiana, che in passato ha conquistato due ori ai Giochi Olimpici, ora può dedicarsi ad altro, e quindi alla sua vita privata. Tutti sapevano di questa relazione, che la coppia, ha preferito tenere “segreta”, per evitare di finire nell’occhio del ciclone, come sarebbe irrimediabilmente accaduto. Ora, che le Olimpiadi sono concluse, la nuotatrice ha sentito l’esigenza di dichiarare apertamente della sua vita privata.

Bronzo per il judo femminile, conquistato da Maria Centracchio e ancora un altro bronzo per la spade femminile vinta dalla squadra italiana.

 

Una serie di vittorie e diverse altre conquiste potrebbero arrivare nelle prossime gare in altri settori. Emozioni di colore azzurro, e gioia e orgoglio per il tricolore italiano, portato avanti a Tokyo con estrema fierezza.

Luigi Samele: medaglia d’argento per la sua sciabola

Luigi Samele
Luigi Samele vince la medaglia d’argento

Luigi Samele, porta a casa un meraviglioso argento: la sua lama gli ha permesso di “affettare” tutti i suoi avversari e a tentare la vittoria contro Aron Szilagyi, un’istituzione con la sciabola, che ha conquistato l’oro, il terzo consecutivo delle ultime Olimpiadi. Gigio Samele, si classifica secondo, ma conquista con enorme dignità uno splendido argento, che porta orgoglio all’Italia.

Figlio della Virtus da cinque anni, dopo il bronzo vinto ai Giochi di Londra, Luigi Samele era rimasto ai margini. Ma la sua tenacia, lo ha ricondotto al suo talento: le Olimpiadi contro un campione al terzo oro consecutivo rappresentano un’occasione di riscatto, e allo stesso modo l’argento conquistato. La riprova del fatto che Luigi Samele, ha davvero l’arte della sciabola. Il suo commento a seguito della “sconfitta”, è stato negativo; il suo desiderio di vittoria, lo ha portato ad esasperare la sua rabbia, anche se in realtà, la conquista di un argento contro un’istituzione, è un traguardo a dir poco notevole.

 

Quella raggiunta da Luigi Samele, nella scherma, è un risultato davvero importante: la sua è una medaglia individuale, la prima in assoluto. Per la Virtus, il presidente vinse negli anni addietro un bronzo nella prova a squadre. Dunque, fierezza ed orgoglio. Il pugliese trapiantato a Bologna, viene applaudito dalla Virtus e an che da tutti gli sportivi italiani: lo acclamano il presidente di Regione, il Presidente della Virtus, e i concittadini. Adesso si attende la sfida a squadre, nella quale ci si aspetta un altro importante risultato.

 

La sciabola di Samele brilla più che mai: l’atleta, ha dichiarato di aver atteso questa vittoria dal lontano 2012. Da allora, diverse sono le cose che sono cambiate, sono trascorsi degli anni, e ci sono state diverse sconfitte. Ma la determinazione, nello sport è fondamentale. Gigi Samele, dichiara che ciò che l’ha cambiato notevolmente è anche il rapporto con la sua compagna, Olga Kharlan. Campionessa indiscussa di scherma, medaglia d’oro alle Olimpiadi, otto titoli europei e sei mondiali. L’atleta la considera un esempio nel suo lavoro: la tendenza a voler eccellere di Olga Kharlan, ha spinto Luigi Samele a crescere e a perfezionarsi, affinando sempre di più la sua tecnica.

 

Questa dunque, è una vittoria “condivisa” data da allenamenti costanti, da duro lavoro e determinazione. Per il mondo dello sport, questa è un’altra importante conquista e un altro importante motivo di orgoglio. Il 33enne foggiano e il suo argento, fanno brillare la nostra Italia, ancora di più.